Premio internazionale
Elisa Frauenfelder

UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa       Democritus University of Thrace (Grecia)       Temple University - College of Science and Technology (USA)       Temple University - S.H.R.O. (USA)

Universidad de Alicante (Spagna)       Universidade do Algarve (Portogallo)       Universidad Cat˛lica 'Santa Teresa de Jes¨s' de ┴vila (Spagna)

Universidad de Evora (Portogallo)       UniversitÚ de GenŔve (Svizzera)       Universidad de Malaga (Spagna)

Universidad Metropolitana SUAGM - Puerto Rico (USA)       Universidad Pablo de Olavide de Sevilla (Spagna)       Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa (CIRSE)       Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Opera Nazionale Montessori       SocietÓ Italiana di Pedagogia (SIPED)

UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa

In partenariato con
Democritus University of Thrace (Grecia)
Temple University, S.H.R.O., College of Science and Technology, Philadelphia (USA)
Universidad de Alicante (Spagna)
Universidade do Algarve (Portogallo)
Universidad Cat˛lica "Santa Teresa de Jes¨s" de ┴vila (Spagna)
Universidade de ╔vora (Portogallo)
UniversitÚ de GenŔve (Svizzera)
Universidad de Malaga (Spagna)
Universidad Metropolitana SUAGM - Puerto Rico (USA)
Universidad Pablo de Olavide de Sevilla (Spagna)
Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa (CIRSE)
Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
Opera Nazionale Montessori
SocietÓ Italiana di Pedagogia (SIPED)

Premio internazionale Elisa Frauenfelder

I edizione 2018

Bando di concorso

Il Rettore
VISTA la delibera n. 25 del Senato Accademico del 30/01/2018 con la quale Ŕ stato istituito il Premio internazionale Elisa Frauenfelder - I edizione 2018
VISTO la delibera n. 15 del Senato Accademico del 24/4/2018 con la quale Ŕ stato approvato il relativo schema di bando alla luce delle adesioni al partenariato scientifico internazionale promosso da questo Ateneo

DECRETA

Art. 1 - Istituzione del Premio

Vista la delibera n. 25 del Senato Accademico del 30/01/2018, l'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli in partenariato con la Democritus University of Thrace (Grecia), la Temple University - Sbarro Health Research Organization, College of Science and Technology - di Philadelphia (USA), l'Universidad de Alicante (Spagna), l'Universidade do Algarve (Portogallo), l'Universidad Cat˛lica "Santa Teresa de Jes¨s" de ┴vila (Spagna), l'Universidade de ╔vora (Portogallo), l'UniversitÚ de GenŔve (Svizzera), l'Universidad de Malaga (Spagna), Universidad Metropolitana SUAGM - Puerto Rico (USA), l'Universidad Pablo de Olavide de Sevilla (Spagna), il Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa (CIRSE), l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, l'Opera Nazionale Montessori, la SocietÓ Italiana di Pedagogia (SIPED) indice la prima edizione del Premio internazionale Elisa Frauenfelder.

Art. 2 - Motivazioni

Il Premio Ŕ istituito con la finalitÓ di conservare e promuovere l'ereditÓ scientifica e umana di Elisa Frauenfelder, Maestra della pedagogia italiana contemporanea, proiettandola nel futuro cosý da offrire, soprattutto ai giovani studiosi, un exemplum straordinario di rigore scientifico, innovazione pedagogica e passione per lo studio, intesi come volano di una autentica emancipazione e trasformazione sociale.

In oltre mezzo secolo di lavoro accademico (Ŕ stata fino al 2003 Professore Ordinario di Pedagogia generale e sociale presso l'UniversitÓ degli Studi di Napoli "Federico II", dove ha diretto il Dipartimento di Scienze relazionali, e fino al 2017 Professore Straordinario di Pedagogia generale e sociale presso l'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli), infatti, Elisa Frauenfelder ha saputo intrecciare la tradizione della pedagogia occidentale, di cui Ŕ stata una attenta studiosa cosý come dimostrato nelle sue opere storiche, con l'avanguardia della ricerca educativa, sia teorica sia empirica, di cui Ŕ stata attiva protagonista attraverso le sue ricerche di stampo bio-educativo sui processi di apprendimento e di insegnamento, tese a decifrare l'ineludibile relazione tra i fattori genetici e i fattori ambientali che presiedono lo sviluppo del pensiero e dell'agire umano. Un tale intreccio tra ricerca storica, teorica ed empirica ha dato vita a un modello di pedagogia scientifica fondato su una piattaforma epistemologica e metodologica pluriarticolata e prospettica, mai slegata dai problemi emergenti dalla pratica educativa e didattica, da cui la ricerca pedagogica frauenfelderiana Ŕ sempre partita e verso cui si Ŕ sempre orientata, consapevole della sinergia reticolare tra ricerca scientifica di stampo accademico, realtÓ educative del territorio e formazione dei professionisti dell'educazione formale e non formale (dirigenti scolastici, docenti, formatori, educatori e pedagogisti).

L'incessante attivitÓ di studio e di ricerca, le innovazioni introdotte nel dibattito pedagogico contemporaneo, l'attenzione alla relazione educativa, l'impegno costante verso le Istituzioni accademiche e scolastiche fanno quindi di Elisa Frauenfelder un unicum che deve essere tenuto vivo per le giovani generazioni e per la promozione di una ricerca orgogliosamente ancorata all'itinerario storico dei processi pedagogici e formativi ma allo stesso tempo aperta alle innovazioni e a raccogliere le sfide del futuro.

Art. 3 - Articolazione del Premio

Il premio Ŕ articolato in quattro sezioni.
1. La prima sezione, denominata "Scienze pedagogiche" Ŕ riservata agli Autori di un lavoro editoriale sui temi della pedagogia, della storia della pedagogia e delle istituzioni educative e della didattica. Premi previsti: 4.
I candidati dovranno presentare una domanda attenendosi alle indicazioni riportate all'art. 5 del presente bando.
2. La seconda sezione, denominata "Cultura e innovazione" Ŕ riservata agli Autori di un lavoro editoriale sui temi dell'innovazione e della trasformazione culturale. Premi previsti: 4.
I candidati dovranno presentare una domanda attenendosi alle indicazioni riportate all'art. 5 del presente bando.
3. La terza sezione, denominata "Maestri d'Italia", Ŕ riservata agli insegnanti, di ruolo e fuori ruolo, delle scuole primarie e d'infanzia che si sono particolarmente distinti nel corso della loro carriera e per l'impegno profuso per la Scuola, le giovani generazioni ed il Paese. Premi previsti: 2. Per tale sezione la proposta dovrÓ essere presentata dai Direttori generali degli Uffici Scolastici Regionali e/o dai singoli Dirigenti scolastici sedi di servizio dell'interessato.
Per tale sezione la proposta pu˛ essere avanzata anche direttamente dal Presidente del Comitato scientifico internazionale del Premio.
4. La quarta sezione, denominata "Donne nelle Istituzioni, nella cultura, nella ricerca e nell'arte" Ŕ riservata alle donne che hanno dato, nel loro campo, un contributo significativo al Paese. Premi previsti: 2 Per tale sezione non va presentata la domanda di partecipazione, in quanto i premiati saranno individuati direttamente dalla Commissione.

Art. 4 - Organigramma

Ai fini del presente procedimento, viene costituito il seguente organigramma:
Presidente del Comitato scientifico internazionale: prof. Lucio d'Alessandro, Rettore dell'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa.
Comitato scientifico internazionale: costituito dai membri designati dalle UniversitÓ, dalle SocietÓ Scientifiche e dagli Enti partner nonchÚ da personalitÓ del mondo accademico e culturale, come riportato all'art. 8 del bando.
Direzione scientifica: prof. Enricomaria Corbi, Ordinario di Pedagogia generale e sociale; prof. Margherita Musello, Ordinario di Didattica generale e pedagogia speciale, prof. Fabrizio Manuel Sirignano, Ordinario di Pedagogia generale e sociale.
Coordinamento scientifico: prof. Fabrizio Manuel Sirignano, Ordinario di Pedagogia generale e sociale.
Segreteria scientifica: dott. Pascal Perillo, Ricercatore di Pedagogia generale e sociale.

Art. 5 - ModalitÓ di presentazione delle domande

SEZIONI 1-2:
Per la partecipazione alle sezioni 1-2- gli Autori devono presentare lavori pubblicati nel periodo che va dal 2011 al 2018. I lavori devono essere dotati di codice ISBN e pubblicati da un editore accreditato dalla comunitÓ scientifica nazionale o internazionale; ai fini della valutazione saranno privilegiate le monografie (volumi scritti da un solo Autore).
I candidati alle sezioni 1 e 2 devono far pervenire la domanda di partecipazione con allegate obbligatoriamente n. 2 copie cartacee dei lavori editoriali, indicando sia nella domanda sia sul plico (pena esclusione dal concorso) la sezione alla quale si intende partecipare (prima, seconda), utilizzando il format di domanda pubblicato al link www.unisob.na.it/premiofrauenfelder
╚ possibile concorrere per una sola sezione.
I lavori delle sezioni 1 e 2 devono essere corredati dal curriculum vitae del concorrente, nel quale devono essere indicati anche i dati anagrafici (nome, cognome, indirizzo di ufficio e abitazione, telefono, cellulare, indirizzo e-mail) e da una breve sintesi della pubblicazione presentata, pena esclusione dalla procedura concorsuale.
I lavori devono pervenire a mano, o tramite servizio postale, improrogabilmente entro le ore 12 del 12 del 09/11/2018 al seguente indirizzo: Coordinamento Premio Frauenfelder c/o Area Affari Generali - Ufficio Protocollo - UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa, via Suor Orsola 10 - 80135 Napoli.
E' obbligatorio indicare fuori il plico (pena esclusione dal concorso) la sezione alla quale si intende partecipare (prima o seconda).

SEZIONE 3: MAESTRI D'ITALIA
I Direttori generali degli Uffici scolastici regionali e/o i Dirigenti scolastici sedi di servizio dell'interessato, devono far pervenire una proposta di premiazione indicando sia nella domanda sia sul plico (pena esclusione dal concorso) la sezione alla quale si intende partecipare (terza), utilizzando il format di domanda pubblicato al link www.unisob.na.it/premiofrauenfelder
La proposta pu˛ essere avanzata anche direttamente dal Presidente del Comitato scientifico internazionale del Premio.
La proposta di premiazione deve essere corredata (pena esclusione) da una motivazione e da un dettagliato curriculum dell'insegnante considerato meritevole (indicando anche i dati anagrafici, nome, cognome, indirizzo di ufficio e abitazione, telefono, cellulare, indirizzo e-mail).
La suddetta documentazione deve pervenire a mano, o tramite servizio postale, improrogabilmente entro le ore 12 del 09/11/2018 al seguente indirizzo: Coordinamento Premio Frauenfelder Area Affari Generali - Ufficio Protocollo - UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa, via Suor Orsola 10 - 80135 Napoli.
E' obbligatorio indicare fuori il plico (pena esclusione dal concorso) la sezione alla quale si intende partecipare (terza).

SEZIONE 4:
Per tale sezione non va presentata la domanda di partecipazione, in quanto i premiati saranno individuati direttamente dalla Commissione.

Art. 6 - Procedura e premiazione

A chiusura del bando il Magnifico Rettore dell'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa nominerÓ una Commissione di valutazione (composta da 5 membri del Comitato scientifico internazionale) che, a maggioranza, in piena autonomia e con decisione non appellabile, provvede all'attribuzione del Premio alle migliori opere presentate (sezioni 1, 2) ed alle personalitÓ ritenute meritevoli (sezione 3 e 4), con il rilascio di pergamena nel corso di una cerimonia pubblica che si terrÓ in occasione della inaugurazione dell'Aula Elisa Frauenfelder dell'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli tra Dicembre 2018 e Gennaio 2019.

Sono previste eventuali menzioni speciali e riconoscimenti motu proprio.

Art. 7 - Esito e pubblicitÓ degli atti

L'esito della procedura sarÓ resa nota sul sito istituzionale dell'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa all'indirizzo www.unisob.na.it ed avrÓ valore di notifica ufficiale agli interessati. Non Ŕ previsto l'invio di comunicazioni personali ai candidati.

Art. 8 - Comitato scientifico internazionale

Presidente del Comitato:
Lucio d'Alessandro, Rettore dell'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa dell'UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa.

Componenti:
Massimo Baldacci, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Urbino Carlo Bo.
Carlos PadÝn Bibiloni, Rettore dell'Universidad Metropolitana UMET de Puerto Rico (USA).
Gaetano Bonetta, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Catania.
Franco Cambi, Professore ordinario f.r. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Firenze.
MarÝlia Castro Cid, Direttore del Centro di Ricerca Educazione e Psicologia de la Universidade de ╔vora (Portogallo).
Mariagrazia Contini, Professore ordinario f.r. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Bologna.
Enricomaria Corbi, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa.
Sofia Corradi, Professore ordinario f.r. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi Roma Tre.
Michele Corsi, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Macerata.
Antonia Criscenti, Professore ordinario di Storia della pedagogia, UniversitÓ degli Studi di Catania.
Antonia Cunti, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Napoli Parthenope.
Vasco d'Agnese, Professore associato di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.
Patrizia de Mennato, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Firenze.
Francesco De Sanctis, Professore emerito di Filosofia del diritto, UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa ed Accademico dei Lincei.
Ornella De Sanctis, Professore ordinario f.r. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa.
Arturo De Vivo, Professore ordinario di Letteratura latina e Pro-Rettore dell'UniversitÓ degli Studi di Napoli Federico II.
Maria Dimasi, Direttore del Dipartimento di Lingua, filologia e cultura dei Paesi del Mar Nero, Democritus University of Thrace.
Loretta Fabbri, Professore ordinario di Didattica generale e pedagogia speciale, UniversitÓ degli Studi di Siena.
Ana Costa Freitas, Rettore de la Universidade de ╔vora (Portogallo).
Rita Fadda, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Cagliari.
Paolo Federighi, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Firenze.
Yves FlŘckiger, Rettore dell'UniversitÓ di Ginevra (Svizzera).
Franco Frabboni, Professore emerito di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Bologna.
Antonio Gargano, Comitato scientifico Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.
Mario Gennari, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Genova.
Antonio Genovese, Professore ordinario f.r. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Bologna.
Carla Francesca Ghizzoni, Professore ordinario di Storia della pedagogia, UniversitÓ Cattolica del Sacro Cuore e Vice Presidente del Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa.
JosÚ Gˇmez Galßn, Direttore di CICIDE, UniversitÓ Metropolitana-SUAGM de Puerto Rico (USA) e UniversitÓ Cattolica de Avila (Spagna).
Antonio Giordano, Professore ordinario di Anatomia patologica e Direttore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecolar Medicine and Center for Biotechnology College of Science and Technology, Temple University, Philadelphia (USA).
Vicente GuzmÓn, Rettore dell'Universidad Pablo de Olavide de Sevilla (Spagna).
Rita Hofstetter, Professore ordinario di Storia sociale dell'educazione, UniversitÓ di Ginevra (Svizzera).
Maria Luisa Iavarone, Professore straordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Napoli Parthenope.
M¬ del Rosario Sßez Yuguero, Rettore dell'UniversitÓ Cattolica di Avila (Spagna).
Cosimo Laneve, Professore ordinario f.r. di Didattica generale e pedagogia speciale, UniversitÓ degli Studi di Bari.
Juan JosÚ Leiva Olivencia, Direttore del Gruppo internazionale di ricerca de Interculturalidad, Comunidad y Escuela dell'Universidad de Malaga (Spagna).
Isabella Loiodice, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Foggia e Vice Presidente Vicario della SocietÓ Italiana di Pedagogia.
Nellie Pagßn Maldonado, Professore della FacoltÓ di Educazione dell'UniversitÓ Metropolitana-SUAGM (Porto Rico-USA).
Massimiliano Marotta, Presidente dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.
Vicent Martines, Professore ordinario di Filologia catalana e Direttore dell'Instituto Superior de Investigaciˇn Cooperativa IVITRA dell'Universitat d'Alacant (Spagna).
Juan Francisco Mesa Sanz, Professore ordinario di Filologia classica e Preside della Facultat de Filosofia y Lletres dell'Universitat d'Alacant (Spagna).
Margherita Musello, Professore ordinario di Didattica generale e pedagogia speciale, UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa.
JosÚ ┴ngel Narvßez, Rettore dell'Universidad de Malaga (Spagna).
Saul Neves de Jesus, Pro-rettore dell'Universidade do Algarve (Portogallo).
Adriana Nogueira, Direttore della Biblioteca dell'Universidade do Algarve (Portogallo).
Paolo Orefice, Professore emerito di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Firenze.
Luigi Pati, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ Cattolica del Sacro Cuore.
Tiziana Pironi, Professore ordinario di Storia della pedagogia, UniversitÓ degli Studi di Bologna e Presidente del Centro Italiano per la Ricerca Storico-Educativa.
Franca Pinto, Professore emerito di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Foggia.
Simonetta Polenghi, Professore ordinario di Storia della pedagogia, UniversitÓ Cattolica del Sacro Cuore e Presidente della SocietÓ Italiana di Pedagogia.
Francesca Pulvirenti, Professore ordinario f.r. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Catania.
Bruno Rossi, Professore ordinario f.r. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Siena.
Mariano Reyes Tejedor, Direttore Generale della Formaciˇn y Innovaciˇn Docente dell'Universidad Pablo de Olavide de Sevilla (Spagna).
Omar Ponce Rivera, Professore della FacoltÓ di Educazione dell'UniversitÓ Metropolitana-SUAGM (Porto Rico-USA)
Diego Vergara Rodriguez, Professore della FacoltÓ di Scienze e Arti, UniversitÓ Cattolica di Avila (Spagna)
Flavia Santoianni, Professore ordinario di Pedagogia sperimentale, UniversitÓ degli Studi di Napoli Federico II.
Javier Velßzquez Saornil, Professore della FacoltÓ di Scienze e Arti, UniversitÓ Cattolica di Avila (Spagna).
Vincenzo Sarracino, Professore straordinario t.d. di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa.
Benedetto Scoppola, Professore ordinario di Fisica matematica, UniversitÓ degli Studi di Roma Tor Vergata e Presidente dell'Opera Nazionale Montessori.
Maurizio Sibilio, Professore ordinario di Didattica generale e pedagogia speciale, UniversitÓ degli Studi di Salerno.
Carolina Silva Sousa, Professora Coordenadora da ┴rea CientÝfica de Ciŕncias da EducašŃo da Escola Superior de EducašŃo da Universidade do Algarve (Portogallo).
Fabrizio Manuel Sirignano, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa.
Giuseppe Spadafora, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi della Calabria.
Maura Striano, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Napoli Federico II.
Maria Rosaria Strollo, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Napoli Federico II.
Paola Trabalzini, Componente Direttivo Opera Nazionale Montessori.
Simonetta Ulivieri, Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale, UniversitÓ degli Studi di Firenze.
Rosabel Roig Vila, Direttore dell'Instituto de Ciencias de la Educaciˇn dell'Universitat d'Alacant (Spagna).
Massimo Zeuli, Dirigente medico, Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, Roma.
Sergio Zeuli, Magistrato amministrativo presso il Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa, Roma.

Contatti

tel. 081.2522334 e-mail

Napoli, 16/05/2018

Il Rettore
Prof. Lucio d'Alessandro

Emanato con D.R. n. 324 del 16/05/2018

© 2004/18 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0