Corso di laurea magistrale interfacoltà in
Conservazione e restauro dei beni culturali

a.a. 2015/16

Tirocini curriculari

Nel cinque anni di corso, all'interno delle attività riservate ai laboratori, è possibile partecipare a tirocini curriculari (fino a un massimo di cinque). I tirocini possono essere svolti presso enti pubblici che si occupano della tutela e del restauro dei beni artistici e culturali o presso soggetti privati in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa vigente. Le numerose convenzioni attive tra l'Università e le soprintendenze, i musei, gli enti di ricerca, le imprese private, consentono agli allievi la maturazione di esperienze all'interno di laboratori e cantieri di restauro su tutto il territorio nazionale. I cantieri internazionali dell'UNISOB e gli accordi esistenti con alcune istituzioni europee ed extraeuropee potranno essere una ulteriore occasione per lo svolgimento dei tirocini, in funzione delle attività in corso e dei curricula di studi degli allievi.
È possibile valutare, nel novero dei CFU previsti nel Piano Formativo per i tirocini extramoenia, anche esperienze pregresse nel campo del restauro; è indispensabile a questo riguardo verificare il possesso dei requisiti dell'ente presso cui sono state svolte le attività.

Documenti da produrre per la verifica sul possesso dei requisiti da parte dell'Ente ospitante/Ditta di Restauro

  1. Richiesta di inserimento nell'elenco delle ditte di fiducia dell'Università, sottoscritta dall'amministratore dell'impresa, con annessa dichiarazione di disponibilità a stipulare con l'UNISOB una convenzione per lo svolgimento dei tirocini extramoenia.
  2. Autocertificazione da parte del direttore tecnico dell'impresa di possedere tutti i requisiti richiesti dall'art. 182 del D.L. 42/2004 e successive modifiche (Codice dei beni culturali e del paesaggio) per la figura di restauratore dei beni culturali.
  3. Certificati di buon esito dei lavori eseguiti negli ultimi anni (almeno tre annualità) rilasciati dalla Soprintendenza preposta.

Per le attività già svolte, lo studente al termine della procedura compila l'allegato D, consegnandolo alla segreteria del Corso di Laurea in Restauro.

Modalità di presentazione dell'allegato D:
a. Stampare il modulo.
b. Presentarlo presso la segreteria del C.d.L. di Restauro allegando tutta la certificazione, in originale o in copia conforme, che si intende farsi riconoscere.

Nota:

  1. Lo studente può presentare la documentazione una sola volta all'anno.
  2. Occorre indicare data di inizio e fine attività.
  3. Sono prese in considerazione solo quelle attività svolte dopo l'ultimo titolo di studio conseguito e in linea con gli obiettivi formativi.
  4. Non possono essere prese in considerazione attività già valutate.
  5. Secondo quanto previsto dalla Nota 1063 del 29/04/2011 non possono essere riconosciuti più di 12 CFU complessivamente tra corsi di primo livello e secondo livello.
  6. Il Consiglio Direttivo del C.d.L, verificate la correttezza delle procedure e la rispondenza dei contenuti, delibera il rilascio dei relativi CFU.
  7. I crediti dispensati saranno visibili sul piano di studi dello studente dopo l'approvazione della richiesta da parte del Comitato Direttivo, il successivo passaggio nel C.d.F. della Facoltà di Lettere, e la definitiva registrazione da parte della Segreteria Studenti.

Tirocini e attività di restauro esterne, procedura generale

I tirocini, obbligatori per alcuni corsi di laurea, sono un'opportunità per gli studenti iscritti (i laureati possono rivolgersi al Job Placement) di entrare in contatto con il mondo del lavoro sotto la guida di un tutor di Ateneo. La procedura di assegnazione è riportata qui di seguito:

  1. Lo studente si reca dal tutor di riferimento del proprio corso di studio per avere consigli e per scegliere l'ente presso cui svolgere il tirocinio (visualizza l'elenco aggiornato degli enti convenzionati)
  2. Il tutor del corso di laurea mette in comunicazione lo studente con il tutor dell'ente scelto per verificare la disponibilità e in seguito con il docente di riferimento del proprio corso di studi.
  3. Lo studente compila in quadruplice copia, con l'ausilio (relativamente alle sezioni di propria competenza) dei responsabili dell'Ente scelto, il progetto formativo e di orientamento (allegato 1 per il tirocinio o allegato 1bis per le attività di restauro esterne) che dovrà essere approvato dal tutor del C.d.L. e riconsegnato, sempre in quattro copie (firmate dal rappresentante legale dell'Ente e dal tirocinante), al tutor del corso di laurea il quale provvederà ad inoltrare i documenti alla segreteria del Preside di Lettere per la firma.
    La segreteria del Preside di Lettere provvederà alla informatizzazione dei dati e all'invio di n. 2 copie del progetto agli uffici competenti per l'attivazione delle coperture assicurative per lo studente.
  4. Lo studente si recherà presso la segreteria del Preside di Lettere per ritirare (prima che il tirocinio o l'attività esterna inizi) le due copie, una delle quali dovrà provvedere a consegnare all'ente ospitante.
  5. Al termine del tirocinio, lo studente, al momento della verbalizzazione (prevista solo per i tirocini curriculari, e da effettuare con regolare prenotazione online), dovrà presentare la seguente documentazione:
    a. Questionario a cura dell'ente ospitante (allegato 2)
    b. Questionario conclusivo dell'attività di tirocinio a cura del tirocinante (allegato 3)
    c. copia del progetto formativo;
    d. relazione (da 2 a 5 pagine) a cura del tirocinante che sintetizzi l'attività svolta e gli obiettivi raggiunti durante il periodo di tirocinio;
    e. attestato su carta intestata dell'ente ospitante in originale o copia conforme, firmato e timbrato, che indichi periodo, durata del tirocinio e attività svolta.
    Al termine di una breve discussione sul tirocinio svolto, l'attività sarà convalidata su verbale di registrazione e libretto (solo per i tirocini curriculari) e tutto il materiale inviato presso gli uffici della segreteria studenti.
    Documentazioni incomplete non potranno in nessun caso essere accolte.

Nota bene:
- Il numero di crediti da maturare varia a secondo del piano di studi di ogni corso di studi.
- Nel caso in cui lo studente volesse partecipare ad un tirocinio o stage, anche se questa attività non è presente nel proprio piano di studi (stage non curriculare), seguirà la stessa procedura.
- 1 CFU corrisponde a 25 ore di impegno in tirocinio.
- Lo studente dovrà obbligatoriamente verbalizzare/convalidare il proprio tirocinio/stage (connesso a CFU o fuori piano studi o punto bonus laurea) entro la prima sessione di esami successiva alla conclusione dell'esperienza. Oltre tale termine, i tirocini/stage non saranno considerati validi e gli studenti non potranno procedere con la registrazione/convalida.
- Per la verbalizzazione del tirocinio curriculare è obbligatoria la prenotazione da effettuare nell'area operativa della stanza virtuale.
- I laboratori esterni potranno essere verbalizzati solo se inseriti all'interno della programmazione relativa da ogni esame di laboratorio annuale, in coerenza con il PFP di riferimento. Il rilascio dei CFU è legato al superamento dell'esame di laboratorio, con i docenti tecnici laboratoriali del C.d.L. di Restauro.
- Le date di verbalizzazione sono indicate sul sito e seguono il calendario degli appelli di esame.
- Gli studenti che intendono farsi riconoscere attività già svolte al di fuori dell'ateneo e con enti non convenzionati con l'ateneo devono seguire, ove previsto, termini e modalità dell'allegato D.

© 2004/17 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0