UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa
Associazione Alfredo Guida Amici del Libro Onlus

 

 

Leggiamoci Fuori Scuola - XIV edizione
I rapporti umani

Presentazione del "Medico dei vicoli"

 

 

Giovedý 17 Gennaio ore 15

Aula Magna

UniversitÓ Suor Orsola Benincasa

Corso Vittorio Emanuele 292, Napoli

 

 

SarÓ il "Medico dei vicoli", il romanzo di Lucio d'Alessandro, il libro al centro del primo appuntamento del 2013 della quattordicesima edizione del ciclo di incontri "Leggiamoci fuori scuola", il progetto ideato e promosso dall'Associazione Alfredo Guida Amici del Libro in collaborazione con l'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa e con il patrocinio morale della Regione Campania e del Comune di Napoli.

 

L'incontro, che si svolgerÓ Giovedý 17 Gennaio alle ore 15 nell'aula magna dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, sarÓ introdotto da Celeste Condorelli, presidente dell'Associazione Alfredo Guida Amici del Libro, Angela Procaccini, coordinatrice regionale del Progetto "Leggiamoci Fuori Scuola" e da Mario Guida, presidente di "Guida Editore".

 

Si confronteranno con Lucio d'Alessandro, autore del Medico dei vicoli e Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli, gli alunni delle scuole "Liceo Classico Umberto I", "ISS Mazzini", "Liceo Classico Flacco" e "ISS Nitti".

 

Presentazione del Medico dei vicoli

Napoli, 1949. Walter Episcopio, un giovane medico cinico e ambizioso, di origine modesta, si "attacca al carro" di un potente barone ospedaliero per spianarsi la strada. Una manovra non facile, visti i numerosi e agguerriti rivali. Lui per˛ ha un'arma segreta: Stellina, la figlia del professore, bruttina, insignificante, ignorata dai coetanei. Walter la corteggia assiduamente, con lo scopo di ingraziarsi il padre e, una volta riuscito nell'intento, mollarla con qualche scusa. Ma l'illustre clinico ha l'occhio lungo: sospettoso, fa sorvegliare il ragazzo, lo scopre in situazioni compromettenti e lo ricatta, imponendogli di sposare Stellina e di comportarsi seguendo un suo preciso, rigido codice. Walter non ha scelta: china il capo e accetta, sperando prima o poi di vendicarsi. Invece, per un curioso scherzo della sorte, quella moglie indesiderata si rivela la sua salvezza. A poco a poco, il giovane ricambia l'affetto della sua donna, ha da lei due figli e comincia a concepire la sua professione con spirito ben diverso. Diventa cosý "il medico dei vicoli" e, con Stellina sempre al fianco, si prodiga nell'aiutare, sostenere e curare gli umili e i diseredati della sua problematica cittÓ.

 

D'Alessandro lancia col suo romanzo una nuova formula per Napoli, una visione che sconfessa la stessa arte di arrangiarsi, la stessa raffinata astuzia del napoletano che tutti conosciamo. La CittÓ del Golfo si pu˛ salvare solo in un bagno di umiltÓ e con la riscoperta di una semplicitÓ - di una Napoli - che forse c'Ŕ sempre stata, ma ch'Ŕ rimasta sepolta, sommersa, dall'arte di arrangiarsi. Facile? Per niente, eppure il gioco - sembra dire d'Alessandro - vale l'impresa, anche a costo di fallire, di perdere la partita, di non riuscire nel compito oppure, molto pi¨ semplicemente, di non riuscire ad arrivare a fine mese con lo stipendio.

 

Lucio d'Alessandro

E' il Rettore dell'UniversitÓ degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa all'interno della quale ha fondato il corso di laurea in Scienze della Comunicazione e i corsi di laurea specialistica in Comunicazione Istituzionale e d'impresa e in Imprenditoria e CreativitÓ per cinema, teatro e televisione.

 

Direttore con Paolo Mieli della Scuola di Giornalismo "Suor Orsola Benincasa", nata nel 2003 come prima Scuola di Giornalismo del Mezzogiorno peninsulare, Ŕ autore di diverse pubblicazioni scientifiche e di numerose novelle edite nel corso degli anni.

 

Il "Medico dei vicoli" Ŕ il suo primo romanzo.

 

Presentazione del Progetto "Leggiamoci fuori scuola"

Il Progetto "Leggiamoci fuori scuola" viene realizzato da 14 anni (anno scolastico 1997/98), con il coinvolgimento di 40 scuole secondarie superiori, che hanno proficuamente partecipato ad un'attivitÓ che mira, anche secondo le direttive europee di Lisbona sull'istruzione, a potenziare le competenze di base in madrelingua e quelle di creativitÓ ed espressivitÓ culturale.

 

Gli incontri sono in totale sei all'anno, di cui l'ultimo coinvolge tutte le scuole partecipanti nelle diverse cittÓ della Regione. La validitÓ, l'efficacia, la ricaduta didattica degli interventi dei vari autori presso teatri prestigiosi e luoghi di cultura (Teatro Bellini, Teatro Mediterraneo della Mostra d'Oltremare, Aula Magna dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, dell'UniversitÓ Parthenope di Napoli etc.) hanno avuto, nel corso degli anni, risultati persino al di sopra delle aspettative.

 

La possibilitÓ per gli studenti, in collaborazione con i docenti, di rendersi protagonisti attraverso le loro creazioni in uno spazio dedicato alla rappresentazione, li ha stimolati nel percorso didattico non solo ad affrontare la lettura e l'analisi di testi narrativi di vario genere, ma anche a percorrere un itinerario di crescita, sia umana che culturale, che li ha condotti a misurarsi, in modo piacevole, con le loro capacitÓ di rivisitare e rielaborare in modo personale i prodotti culturali nazionali del nostro tempo.

 

Il gradimento degli studenti Ŕ pari alla valutazione positiva da parte dei docenti dell'efficacia formativa e cognitiva di questo modo di fare scuola: Ŕ stato verificato, attraverso monitoraggi costanti, che la motivazione allo studio e alla partecipazione alle attivitÓ didattiche Ŕ cresciuta in tutti gli studenti e che i livelli di abilitÓ, conoscenze e competenze sono migliorati sia negli allievi meno pronti sia in quelli eccellenti, in uno spirito di condivisione, collaborazione e capacitÓ di lavorare in gruppo, che ha consentito a ciascuno di proporre il suo contributo.

 

Particolarmente rilevanti sono stati gli incontri con autori che incontravano la simpatia pregressa dei giovani, come stimolanti sono state le proposte di incontro con autori a loro ignoti, che presentavano tematiche anche di interesse sociale e di attualitÓ.

 

Il progetto, rendendo gli studenti protagonisti di performance artistiche e teatrali di loro invenzione, sulla base della lettura di libri di autori contemporanei, diventa uno snodo, un punto di incontro fra scrittori , strutture istituzionali e culturali di varie cittÓ campane, fra scuole e famiglie, fra scuole e territorio: le iniziative culturali di istituzioni che lavorano in sinergia manifestano cosý la possibilitÓ di coinvolgimento della cittadinanza e di apertura alla societÓ, sotto il segno di un progetto formativo che lascia traccia nei singoli e negli enti partecipanti.

 

Per tutte queste ragioni, infatti, la quattordicesima edizione del Progetto, che si svolgerÓ nel corso dell'anno scolastico 2012-13 ed avrÓ come sede degli incontri sempre l'aula magna dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli, ha scelto di fare da cassa di risonanza rispetto al tema delle relazioni ad ampio spettro: quelle interpersonali, quelle familiari, quelle con un partner, quelle con l'ambiente esterno e con la natura, quelle con le Istituzioni.

 

Con questa finalitÓ il percorso propone un itinerario corale con diversi autori napoletani e non che vedono il tema di fondo da diverse angolazioni e da diversi punti di vista. L'ottica generale rimane quella di condurre i ragazzi ad una propria autonomia di pensiero e di affetti.

 

Pandolfi, del Monaco, Notarbartolo, Pagnotta, d'Alessandro ed altri sono alcuni degli autori del programma proposto: le loro storie saranno un valido spunto per docenti e studenti per condividere un confronto sentito e autentico e aprire lo sguardo necessario verso un futuro differente.

 

 

 

 

Info
Associazione Alfredo Guida Amici del Libro Onlus
Dott.ssa Francesca Pietropaolo
tel. 081/290768 e-mail

 

 

 

programma completo

Napoli, 17 Gennaio 2013

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti