UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa
Fondazione Roma Mediterraneo

 

 

Cultura ed Economia: un binomio possibile

Presentazione del volume di Emmanuele Francesco Maria Emanuele
"Arte e Finanza"

 

 

Giovedý 11 Aprile ore 16.30

Sala Pagliara - Complesso della Principessa

UniversitÓ Suor Orsola Benincasa

Via Suor Orsola 10, Napoli

 

 

Giovedý 11 Aprile alle ore 16.30 presso la Sala Pagliara dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, si svolgerÓ la presentazione di "Arte e Finanza" (Edizioni Scientifiche Italiane), il volume scritto dal Presidente della Fondazione Roma, Emmanuele Francesco Maria Emanuele.

 

Alla discussione, coordinata dal giornalista Rai Edoardo Sant'Elia, prenderanno parte, insieme con l'autore, Lucio D'Alessandro, il Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, Pierluigi Leone de Castris, direttore della Scuola di Specializzazione in Beni storici artistici dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, Antonio Marzano, Presidente del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro e Paola Villani, presidente del Corso di Laurea in Economia del Turismo dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa.

 

Presentazione del volume

"Arte e Finanza" vuole essere un contributo per chi, pur occupandosi di arte e cultura, deve confrontarsi con temi quali la gestione di un'impresa culturale, in particolare per quel che riguarda gli aspetti di natura finanziaria.

 

Saper guidare un'impresa culturale presuppone lo stesso livello di conoscenza manageriale di una qualsiasi azienda, indipendentemente dal settore merceologico in cui si opera, e diviene oggi una condizione decisiva per assicurare il successo dell'attivitÓ, successo che non pu˛ dipendere unicamente dalla qualitÓ del messaggio culturale e artistico.

 

All'interno del volume, conseguentemente, non mancano cenni base di finanza aziendale e di finanza per l'impresa, con la descrizione dei principali strumenti finanziari - dai contratti a termine alle opzioni, dai contratti strutturati a quelli assicurativi - del rating, degli strumenti innovativi di debito pi¨ usati negli ultimi anni - dal mezzanine finance ai consorzi di garanzia fidi, fino ai prestiti partecipativi - e, infine, delle modalitÓ di ricorso ai prodotti assicurativi, oltre che riferimenti ai principali problemi del mondo della cultura.

 

Il libro affronta tematiche di grande utilitÓ pratica, quali l'elaborazione di un budget, l'attivitÓ di controllo, la gestione finanziaria, il bilancio e la contabilitÓ, e descrive le varie fonti di finanziamento ai musei, agli spazi espositivi e alle imprese che promuovono cultura. Un capitolo Ŕ dedicato al mercato internazionale dell'arte, attraverso argomenti quali la valutazione delle opere d'arte, gli indici di prezzo, le strategie e i modelli di gestione dei fondi che investono in questo settore. Una particolare attenzione viene riservata al sistema fiscale, la cui revisione, rispetto agli investimenti in cultura da parte di imprese e privati, rappresenta un tema cruciale, perchÚ gli incentivi, in tale direzione, permetterebbero di migliorare gli interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio e di incrementare i risultati economici che derivano dalla cultura.

 

L'Autore Ŕ altrettanto convinto, per˛, e questo Ŕ uno dei punti centrali del suo ragionamento, che il privato, in particolare quello di natura sociale, non possa limitarsi al ruolo di sponsor, ma debba partecipare alla gestione attiva di un'impresa culturale.

 

La strada indicata Ŕ quella del passaggio da una logica di sponsorship ad una di partnership, attraverso regole certe e pianificazione a lungo termine, che permettano al privato di intervenire nella gestione, contribuire con logiche che rispondano ai principi del codice civile nella redazione dei bilanci, verificare la qualitÓ dei progetti, condividere obiettivi e finalitÓ sociali.

 

Arte e Finanza Ŕ, dunque, un saggio che non si limita ad analizzare la realtÓ, ma intende proporre un progetto di sviluppo, che permetta ad arte e finanza di interagire, źcreando benefici sia alla societÓ nel suo complesso, sia agli individui che vi partecipano╗. L'Autore Ŕ convinto che il comparto della cultura contribuisca alla piena fruizione del territorio nel nostro Paese e sia lo strumento di eccellenza per il suo rilancio economico.

 

L'autore

Emmanuele Francesco Maria Emanuele, presidente della Fondazione Roma e della Fondazione Roma-Mediterraneo, Ŕ Professore Ordinario Emerito per chiara fama in Scienza delle Finanze e dello Sviluppo Economico presso l'Universidad Francisco de Vitoria di Madrid. GiÓ professore di Scienza delle Finanze all'UniversitÓ LUISS Guido Carli, professore in Scienza delle Finanze e Diritto Tributario alla Link Campus University di Malta e docente straordinario di Scienza delle Finanze, Politica Economica ed Economia pubblica presso l'UniversitÓ Europea di Roma, Ŕ docente del corso "Arte e Finanza" nell'ambito del Master in Management delle Risorse Artistiche e Culturali dell'UniversitÓ IULM.

 

Ha ottenuto importanti riconoscimenti a livello internazionale come il Dottorato Honoris Causa in Belle Arti presso l'UniversitÓ St. John's di Roma nonchÚ la Laurea Honoris Causa in Humane Letters dall'American University di Roma.

 

Ideatore e gestore per molti anni del Museo del Corso, quello che oggi Ŕ il Museo Fondazione Roma, e di altri importanti luoghi di cultura, Ŕ stato anche Presidente dell'Azienda Speciale Palaexpo, che gestisce le Scuderie del Quirinale ed il Palazzo delle Esposizioni.

 

 

Ufficio Stampa Fondazione Roma
Paola Martellini - Tel. 06 697645111 - e-mail
Davide Vannucci - Tel. 06 697645109 - e-mail
Valeria Roggia - Tel. 06 697645139 - e-mail

Napoli, 11 Aprile 2013

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti