UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

Fondazione SDN - Istituto di Ricerca Diagnostica e Nucleare
UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa
Accademia di Belle Arti di Napoli
Conservatorio di Musica San Pietro a Majella
Fondazione Idis - CittÓ della Scienza
Fondazione Internazionale per gli Studi Superiori di Architettura
Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
Pan - Palazzo delle Arti di Napoli

 

 

Ventuno progetti per far ripartire economia e occupazione

8 miliardi di euro e 60mila posti di lavoro Ŕ l'indotto economico ed occupazionale dei progetti presentati al Sabato delle Idee

 

 

"I grandi progetti per la trasformazione urbana della cittÓ di Napoli, che attendono solo di partire, potrebbero non solo cambiare decisamente in meglio il volto della cittÓ, ma sarebbero in grado di attivare un circuito economico ed occupazionale enorme". Ha aperto cosý Sergio Sciarelli, presidente dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, il focus sui ventuno grandi progetti per Napoli organizzato oggi nell'ambito del Sabato delle Idee, il ciclo di incontri ideato e promosso dall'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli e dalla Fondazione SDN in collaborazione con altre sei istituzioni culturali e scientifiche della cittÓ.

 

I progetti illustrati oggi riguardano infrastrutture essenziali per la mobilitÓ come il porto, il riuso di aree importanti dismesse e da bonificare (Bagnoli ed area orientale), la riqualificazione del centro storico, il nuovo porto turistico di Vigliena.

 

"Per la cittÓ di Napoli - ha spiegato Sciarelli - c'Ŕ sulla carta un pacchetto immediato di progetti urbanistici che ammonta almeno a 4 miliardi di euro ma soprattutto c'Ŕ una grande opportunitÓ di sviluppo economico e di crescita occupazionale".

 

L'indotto economico ed occupazionale

In proposito, Sciarelli citando una recente indagine del Centro Studi dell'Ance, ha illustrato i due riflessi dell'eventuale partenza dei progetti esaminati: l'impatto diretto, indiretto e indotto degli investimenti in edilizia e l'occupazione generabile da tali investimenti.

 

La ricerca citata dimostra che una spesa iniziale di 1 euro genera sul sistema economico una ricaduta pari a 3,374 euro, di cui 1 nel settore specifico, 1,013 nei settori direttamente e indirettamente collegati (fornitura di beni e servizi) e 1,361 nei settori attivati dalla spesa delle famiglie, alimentata dall'aumento dei redditi derivante dalla maggiore produzione.

 

"Azzardando in termini probabilmente prudenziali - ha evidenziato Sciarelli - che il moltiplicatore relativo agli effetti sull'economia locale possa ridursi da 3,4 a 2,0, si pu˛ cosý giungere a stimare, sulla base del pacchetto progettuale preso in considerazione, in 8 miliardi di euro (ovvero l'equivalente di circa 16.000 miliardi di vecchie lire) di produzione globale la ricaduta degli investimenti programmati per le grandi opere a Napoli"

 

E il dato sulla produzione Ŕ stato tradotto anche in termini occupazionali, valutando il numero di unitÓ di lavoro derivanti dall'attuazione di queste grandi opere. Secondo la ricerca dell'Associazione Nazionale Costruttori, con un miliardo di investimenti si possono attivare 10.954 unitÓ di lavoro dirette e 6.055 unitÓ in altri settori.

 

"Escludendo dunque dal computo gli effetti indotti - ha spiegato Sciarelli - si pu˛ concludere che i 4 miliardi relativi ai grandi progetti per Napoli sarebbero, da soli, idonei ad attivare oltre 60.000 posti di lavoro, cifra ovviamente destinata a crescere in rapporto all'ampliamento del potere d'acquisto di tutti coloro che prendono parte al processo d'investimento".

 

Insomma una grande opportunitÓ per la cittÓ e anche per gli investitori privati che, come ha spiegato Uberto Siola, Presidente della Fondazione Internazionale per gli Studi Superiori dell'Architettura e coautore con Sciarelli dello studio urbanistico ed economico dei ventuno progetti, "dovrebbero avere pi¨ spazio nella realizzazione delle opere pubbliche".

 

Alleanza pubblico privato per far ripartire la CittÓ

"La politica urbanistica della cittÓ, intesa come insieme di piani e programmi prevalentemente pubblici - ha evidenziato Siola - non riesce ad assecondare lo sviluppo ed anzi lo ritarda ma soprattutto si fa sentire la difficoltÓ culturale e politica di accettare un ruolo diverso dell'iniziativa privata che, intervenendo con proprie risorse nell'assetto della cittÓ pone problemi di identitÓ e di funzionamento alla mano pubblica, proponendone una profonda trasformazione da soggetto progettista a soggetto controllore".

 

L'impegno del Sabato delle Idee

L'incontro Ŕ stato introdotto da Giovanna Cassese, Direttore dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, Lucio d'Alessandro, Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli e Marco Salvatore, ideatore del Sabato delle Idee e professore di Diagnostica per immagini all'UniversitÓ degli Studi di Napoli "Federico II".

 

"Portare a compimento i grandi i progetti per la cittÓ - ha spiegato Giovanna Cassese, direttore dell'Accademia di Belle Arti di Napoli - significherebbe riuscire finalmente a vincere la battaglia culturale per il cambiamento che da troppi anni sul territorio napoletano viene affrontata senza successi ed in particolare Ŕ proprio nel Centro storico della cittÓ che si trova il terreno pi¨ fertile per lo sviluppo di progetti innovativi capaci di esaltare le radici culturali e gli spazi cittadini dedicati all'arte".

 

"Quello di oggi Ŕ un Sabato delle Idee diverso da tutti gli altri - ha evidenziato Marco Salvatore - perchÚ le idee stavolta sono giÓ in campo e ci sono purtroppo da anni: sono progetti che potrebbero cambiare il volto alla cittÓ e soprattutto rilanciare lo sviluppo economico e dare lavoro a migliaia di persone ed Ŕ per questo che vogliamo metterci a lavorare tutti insieme per provare a sbloccare il futuro di questa cittÓ che non pu˛ pi¨ permettersi l'immobilismo attuale".

 

"Il Sabato delle Idee - ha sottolineato Lucio d'Alessandro - Ŕ nato proprio con l'obiettivo di trasformare idee e risorse della cittÓ in progettualitÓ concreta e mai come in questo caso l'obiettivo Ŕ raggiungibile, perchÚ siamo di fronte addirittura a finanziamenti giÓ stabiliti che attendono solo di essere utilizzati e la discussione odierna vuole stimolare le istituzioni pubbliche ma anche gli investitori privati e la cittadinanza attiva a mettere in campo ogni azione possibile per sbloccare una situazione di stallo che arreca ulteriori danni ad una cittÓ che Ŕ giÓ in grande difficoltÓ".

 

I grandi progetti per la Campania

L'incontro Ŕ stato aperto dalla relazione di Edoardo Cosenza, Assessore alle opere e ai lavori pubblici della Regione Campania, sullo stato dei grandi progetti urbanistici in Campania.

 

La presentazione dei progetti e l'intervento di Giampaolino

Successivamente, nella discussione coordinata da Alfonso Ruffo, direttore del gruppo editoriale "Il Denaro", le criticitÓ attuative dei singoli progetti sono state analiticamente approfondite da Omero Ambrogi , Presidente di Bagnolifutura (relazione sull'area di Bagnoli), Luciano Dassatti, Presidente dell'AutoritÓ portuale di Napoli (relazione sull'area del Porto), Luigi De Falco, Assessore all'Urbanistica del Comune di Napoli (relazione sul Centro Storico), Maril¨ Faraone Mennella, Presidente del Comitato Naplest (relazione sulla Zona Orientale), Ambrogio Prezioso, vicepresidente dell'Associazione Nazionale dei Costruttori Edili (relazione sul Centro Direzionale) ed Andrea Rea, Presidente della Mostra d'Oltremare di Napoli (relazione sulla Zona Flegrea).

 

L'ostacolo della burocrazia e l'eccesso di regole procedurali

L'incontro si Ŕ concluso con l'intervento di Luigi Iavarone, Vicepresidente vicario della Camera di Commercio di Napoli, che ha portato la testimonianza del punto di vista delle imprese sul tema dei grandi progetti per Napoli e la Campania e con l'intervento del Presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino.

 

"Bisogna provare a superare la profonda crisi economica e sociale che sta facendo accartocciare la cittÓ su se stessa - ha spiegato Iavarone - e iniziare a ragionare in maniera operativa sulle cose da fare innanzitutto con una politica industriale chiara, perchÚ se i progetti ci sono e i fondi ci sono vuol dire che il problema Ŕ soprattutto nella fase amministrativa che ha bisogno di nuove regole".

 

Deregolamentazione procedurale che Ŕ stata il cuore dell'intervento anche del Presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino.

 

La Mostra "I Grandi Progetti per Napoli"

Il Sabato delle Idee ha anche organizzato una mostra dedicata a "I grandi progetti per Napoli": dieci pannelli con i disegni dei ventuno progetti che saranno in esposizione nel foyer del Teatro "Antonio Niccolini" dell'Accademia di Belle Arti fino al 31 Maggio 2013.

 

Il Sabato delle Idee

"Il Sabato delle Idee" Ŕ un'iniziativa ideata nel 2009 dalla Fondazione SDN e dall'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli con l'obiettivo di far sorgere a Napoli nuovi spazi di discussione e di "risvegliare" la riflessione ma soprattutto la produzione di nuove idee nella societÓ civile e nella classe dirigente nazionale, partendo da Napoli.

 

E giÓ dalla seconda edizione del Sabato delle Idee l'allargamento dei partner dell'iniziativa ha dimostrato come nella cittÓ di Napoli vi siano tante realtÓ scientifiche e culturali che hanno passione e capacitÓ per impegnarsi nel rilancio della cittÓ.

 

Al fianco della Fondazione SDN, dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa si sono unite, infatti, altre sei grandi istituzioni culturali della cittÓ: l'Accademia di Belle Arti di Napoli, il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella, l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, la CittÓ della Scienza, il PAN - Palazzo delle Arti di Napoli e la Fondazione Internazionale per gli Studi Superiori di Architettura.

 

L'auspicio Ŕ che la rete delle eccellenze campane che scelgono di lavorare insieme possa crescere sempre di pi¨, per realizzare l'obiettivo fondante del Sabato delle Idee: promuovere l'impegno civile, la partecipazione ragionata e la realizzazione di progetti concreti per lo sviluppo di Napoli e del Mezzogiorno contro l'indifferenza, la rassegnazione ed il pessimismo.

 

 

 

Addetto stampa
Dott. Roberto Conte
Tel-Fax 081-2522347
Cell. 380.7123104 e-mail

 

Dott.ssa Costanza Pellegrini
Tel. 339.7252425 e-mail

Napoli, 21 Aprile 2013

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti