UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa
Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo
Associazione Internazionale Regina Elena Onlus

 

 

Le Sovrane d'Italia e l'impegno per la crescita culturale del Sud

Una giornata di studi al Suor Orsola

 

 

Mercoledý 9 Dicembre ore 12

Biblioteca Pagliara

C.so V. Emanuele 292, Napoli

 

 

Nelle tre regine dell'Italia unita c'era un comune denominatore: l'impegno per la crescita culturale del Mezzogiorno, ed in particolare per la crescita del ruolo della donna nella societÓ. Per celebrare questa vocazione ed avviare un percorso di studio e di ricerca sul tema l'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli ha organizzato, in collaborazione con la Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo e con l'Associazione Internazionale Regina Elena Onlus una giornata di studi dedicata al tema "Le Sovrane d'Italia e l'impegno per la crescita culturale del Sud" che si svolgerÓ mercoledý 9 dicembre alle ore 12 nella Biblioteca Pagliara del Suor Orsola.

 

Suor Orsola e la Regina Margherita di Savoia

"Quelle scuole mi sono piaciute! Suor Orsola lascia dietro di sÚ un ricordo gaio, gentile, niente pedante, tutto pulizia, salute, aria, fiori e vista incantevole. Pensando al Suor Orsola si sente un profumo di buone compagnie e di semplicitÓ perfettamente schietta, e poi un ambiente di cultura che andrÓ a poco a poco crescendo tanto che le mura, l'aria dei corridoi e delle stanze ne saranno impregnate, ed Ŕ quello che ci vuole per una veramente buona educazione ed istruzione". Cosý la regina Margherita di Savoia scriveva al primo Rettore dell'Istituto Suor Orsola Benincasa, la Principessa di Strongoli Adelaide del Balzo Pignatelli, dopo la sua prima visita del 14 luglio 1893, alle scuole elementari dell'Istituto. Una visita che sarÓ il primo passo di un lungo impegno della regina, ricostruito brillantemente dalla storica dell'arte Giuseppina Spina nelle pagine del volume appena uscito "Mediterraneo delle donne" (Edizioni Suor Orsola in collaborazione con la Fondazione Terzo Pilastro, 2015), votato alla crescita del ruolo formativo dell'antico monastero di Suor Orsola fino alla fondazione del Magistero, divenuto negli anni l'attuale UniversitÓ.

 

Un impegno per la cultura e la formazione quello della regina Margherita che verrÓ portato avanti per i quasi cinquant'anni del suo regno dalla regina Elena del Montenegro.

 

Di questi temi si discuterÓ al Suor Orsola incrociando diverse prospettive storiche in una tavola rotonda che sarÓ aperta dal Rettore Lucio d'Alessandro e dal presidente dell'Associazione Internazionale Regina Elena Onlus, Ilario Bortolan. Alla storica della letteratura Emanuela Bufacchi sarÓ affidata la ricostruzione del carteggio regale per le nozze di Vittorio Emanuele e Elena di Montenegro custodito proprio negli archivi dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa.

 

A Guglielmo de' Giovanni-Centelles, professore straordinario di Storia del Mediterraneo al Suor Orsola, sarÓ affidata la relazione su "Margherita di Savoia e Adelaide di Strongoli per una nuova educazione del Mezzogiorno d'Italia", mentre spetterÓ a Piero Craveri, professore emerito di Storia contemporanea al Suor Orsola, il compito di tracciare il filo conduttore della monarchia al femminile nel regno d'Italia.

 

Le conclusioni saranno affidate a Emmanuele Francesco Maria Emanuele, presidente della Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo e presidente onorario dell'Associazione Internazionale Regina Elena Onlus, che, anche grazie all'apertura di una sede della Fondazione Terzo Pilastro proprio all'interno dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, Ŕ impegnato a Napoli giÓ da alcuni anni nella promozione di una serie di attivitÓ di ricerca e formazione per la promozione della cultura meridionale nei paesi del Mediterraneo.

 

Il fondo Pignatelli e la corrispondenza con la regina Margherita

Tra i fondi, presenti nell'Archivio Storico dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, il fondo Pignatelli, che raccoglie il materiale documentario relativo ad Adelaide del Balzo Pignatelli principessa di Strongoli, riveste un interesse nazionale notevole, anche per la presenza di un nucleo di autografi a firma della regina Margherita di Savoia.

 

Di tale rilievo ebbe percezione fin dagli anni settanta del Novecento Silvia Croce che condusse un attento lavoro di ricostruzione e salvaguardia del patrimonio archivistico del Suor Orsola, adoperandosi per la sistemazione delle carte e della corrispondenza appartenute alla Principessa di Strongoli. A quegli anni risale la stesura dell'indice dei mittenti, eseguito da Amalia Gentile che, sebbene non esaustivo, resta ancora l'unico strumento di accesso alla corrispondenza Pignatelli.

Napoli, 9 Dicembre 2015

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti