UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa
Dipartimento di Scienze formative, psicologiche e della comunicazione
Dipartimento di Scienze Umanistiche
Centro Internazionale di Ricerca Francesco Saverio Nitti per il Mediterraneo

 

 

 

Dalla pandemia alla guerra: le voci del disagio degli studenti in un video sui canali social dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa

C'Ŕ grande paura per la tenuta delle democrazie occidentali e parte un appello forte ad un'Europa pi¨ unita per ritrovare la pace

 

 

 

Mercoledý 9 Marzo alle 15.30 il secondo semestre di lezioni riparte con una riflessione sul "Ruolo geopolitico del Mediterraneo al tempo della guerra in Ucraina"

 

 

 

"La preoccupazione Ŕ fortissima. Abbiamo paura che il conflitto si allarghi e che possa vacillare la tenuta di molte democrazie anche in Europa". All'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli, che sin dall'inizio della guerra in Ucraina si Ŕ tappezzata in ogni sua sede con le bandiere arcobaleno per la pace, i timori che si registrano tra gli studenti vanno ben oltre l'attuale conflitto tra Russia e Ucraina e si iniziano ad immaginare scenari nefasti a livello globale. Sui suoi canali social l'Ateneo napoletano ha pubblicato un video (www.facebook.com/unisob/videos/320657273252577) con le voci di alcuni suoi studenti dei diversi corsi di laurea intercettando quel forte disagio che giÓ si era percepito alle prime notizie sullo scoppio della guerra in Ucraina.

 

"Siamo passati da un giorno all'altro dallo spettro della pandemia a quello della guerra". ╚ una delle constatazioni pi¨ amare e ricorrenti tra gli studenti. Un disagio ancor pi¨ forte proprio per questo 'drammatico accanimento' degli eventi che aveva sottolineato giÓ il Rettore del Suor Orsola lanciando l'iniziativa dei luoghi del sapere per la pace. "Mai come in questo momento - aveva evidenziato il Rettore - anche in Italia i nostri giovani hanno bisogno di messaggi di fiducia e di speranza, perchÚ proprio nei giorni in cui stavano uscendo, come tutti noi, da un periodo terribile che li ha privati della loro socialitÓ, che li ha fatti addirittura temere per la propria vita e per quella dei loro cari, si sono ritrovati ad essere anche continuamente 'bombardati' da notizie ed immagini terribili su una guerra che sentono fortemente vicina e fortemente pericolosa per le conseguenze che pu˛ scatenare anche a livello internazionale".

 

"Il messaggio di pace lanciato dalla mia UniversitÓ in maniera cosý forte a livello visivo e comunicativo mi ha fatto sentire vicina ed unita non solo al popolo ucraino ma anche alla mia comunitÓ accademica", racconta Chiara nel suo videomessaggio inviato dalla Spagna, da una delle aule dell'UniversitÓ di Cadice dove Ŕ attualmente impegnata con il progetto Erasmus.

 

Un senso di 'vicinanza' e solidarietÓ che, come sottolinea giustamente Gabriella, studentessa di Scienze della comunicazione, "in questo momento deve essere esteso anche a tutte quelle popolazioni, dal Libano allo Yemen, fiaccate da anni di conflitti mediaticamente e politicamente meno attenzionati".

 

I timori pi¨ forti degli studenti, evidentemente ben consapevoli delle lezioni della storia, sono rivolti alla tenuta del sistema democratico occidentale che potrebbe vacillare "sotto i colpi da tiranno di Putin" perchÚ "spesso nei momenti di caos e difficoltÓ anche nei Paesi di forte tradizione democratica si rischiano derive autoritarie poi non facilmente reversibili".

 

Nelle voci degli studenti del Suor Orsola c'Ŕ anche la lucida analisi di uno dei punti cardine per ritrovare una pace stabile in Europa. "Serve un'Unione Europea molto pi¨ forte e molto pi¨ unita sia da un punto di vista politico che militare".

 

E intanto mercoledý 9 marzo in occasione dell'avvio delle lezioni del secondo semestre accademico l'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa ha organizzato una riflessione dedicata al tema de "Il ruolo geopolitico del Mediterraneo al tempo della guerra in Ucraina". L'appuntamento Ŕ fissato alle ore 15.30 nella Biblioteca Pagliara dell'Ateneo napoletano (programma completo e link di collegamento al meet su www.unisob.na.it/eventi). Ad introdurre la riflessione ci saranno il Rettore del Suor Orsola, Lucio d'Alessandro, e il direttore scientifico del Centro Internazionale di Ricerca Francesco Saverio Nitti per il Mediterraneo, Fabrizio Manuel Sirignano.

 

Lectio inauguralis affidata a Guglielmo de' Giovanni-Centelles, professore straordinario di Storia del Mediterraneo. A seguire tavola rotonda con gli studenti che si confronteranno anche con Ottavio Di Grazia, docente di Culture, identitÓ e religioni al Suor Orsola e Claudio Quintano, Rettore emerito UniversitÓ di Napoli "Parthenope" e docente di Statistica economica al Suor Orsola. L'iniziativa, aperta al pubblico (in collegamento web), si svolgerÓ nell'ambito delle attivitÓ didattiche dei corsi di Storia del Mediterraneo, Pedagogia della politica, e Culture, identitÓ e religioni.

8 Marzo 2022

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/22 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti