UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa

 

La giornata della memoria al Suor Orsola

"Mass Media e Olocausto" e il Teatro di Brecht

 

 

Giovedý 27 Gennaio a partire dalle ore 9.30 presso l'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli si svolgerÓ il tradizionale appuntamento annuale con la giornata della memoria.  

 

La giornata, alla quale hanno giÓ assicurato la loro partecipazione oltre 200 studenti delle scuole secondarie superiori di Napoli, verrÓ aperta nell'aula Magna del Suor Orsola da una lezione introduttiva di Edoardo Scotti, responsabile delle pagine culturali del quotidiano "La Repubblica" sul tema "Mass media e Olocausto", nel corso della quale verrÓ illustrato agli studenti il progetto per la costituzione di un Parco della Memoria in Campania.  

 

Alle ore 11 nella Sala degli Angeli si svolgerÓ a cura del Teatro Instabile di Napoli, con la regia di Michele Del Grosso, la rappresentazione del dramma di Bertolt Brecht "La moglie ebrea" che verrÓ interpretata da Miriam Campaniello, grazie al testo tradotto da Paola Paumgardhen, docente di Lingua e traduzione tedesca dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa.  

 

La rappresentazione verrÓ introdotta da Francesco De Sanctis, Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, Lucio d'Alessandro, Preside della FacoltÓ di Scienze della Formazione del Suor Orsola, Emma Giammattei. preside della FacoltÓ di Lettere dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, Michele Del Grosso, direttore del Teatro Instabile di Napoli, Marino Freschi, docente di Letteratura tedesca dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa e da Paola Paumgardhen, docente di Lingua e traduzione tedesca dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa.  

 

Al termine della rappresentazione gli studenti saranno coinvolti nel dibattito.  

 

Il Suor Orsola e la "memoria"  

 

Al Suor Orsola da anni vengono curati con particolare attenzione studi, ricerche ed approfondimenti dedicati alla memoria delle stragi nazifasciste.  

 

La letteratura, innanzitutto, nelle sua diverse articolazioni Ŕ un importante luogo della memoria; anzi, per la sua peculiare dimensione semantica, Ŕ luogo privilegiato della memoria.  

 

In particolare la letteratura tedesca si presenta come un caso paradigmatico di luogo della memoria della Shoah. I docenti di Letteratura tedesca dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, Marino Freschi e Paola Paumgardhen, con la loro attivitÓ didattica curricolare ed extra-curricolare si prefiggono d'illustrare nei corsi sulla base di una vasta campionatura di opere letterarie, teatrali, cinematografiche il cammino che dall'originaria simbiosi ebraico-tedesca condusse la Germania all'Olocausto.  

 

Recentissima Ŕ la partecipazione del Suor Orsola alla scrittura del libretto del poema drammatico sulla tolleranza di G. E. Lessing, rappresentato in chiese, sinagoghe, moschee d'Italia con la regia di Lamberto Puggelli e l'interpretazione di autori di fama internazionale come Gianrico Tedeschi, Ottavia Piccolo, Glauco Mauri, Pamela Villoresi.  

 

Ma in particolare il Suor Orsola ha una specifica esperienza proprio sul tema del "Parco della Memoria".  

 

In collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici ed il Paesaggio e per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico di Napoli e Provincia il Suor Orsola ha lavorato per anni ad un grande progetto: la creazione del Parco letterario virgiliano, divenuto oggi uno straordinario Parco storico-letterario, che realizza una integrazione culturalmente efficace tra l'archeologia, il paesaggio, la botanica, la storia e, naturalmente, la letteratura e che meriterebbe di essere meglio valorizzato.  

 

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti