UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa
Scuola Campana di Alta Formazione per la Conservazione ed il Restauro
Laboratorio di restauro delle tele e delle superfici dipinte

 

Il restauro dei dipinti seicenteschi della Sala degli Angeli

 

 

Venerdý 25 Febbraio a partire dalle 10.30 si svolgerÓ la giornata di presentazione dei lavori di restauro dei dipinti seicenteschi che formano l'arredo pittorico della Sala degli Angeli dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa.  

 

I lavori di restauro dell'arredo pittorico della Sala degli Angeli sono durati cinque anni e sono stati realizzati da Anna Adele Aprile, Patrizia Irena Somma, Ferdinando Calogero, e Maria Paola Campeglia, nell'ambito delle attivitÓ del Laboratorio di restauro delle tele e delle superfici dipinte dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa.  

 

La ricollocazione dei grandi dipinti perlopi¨ tardo - seicenteschi nella Sala degli Angeli dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa costituisce un evento di grande importanza per l'UniversitÓ e per la cittÓ di Napoli perchÚ si tratta di un intervento di grande rilievo per la cura e la salvaguardia del patrimonio artistico cittadino ma anche nazionale, visto il nucleo di opere prestigiose di importantissimi autori Ŕ stato finalmente riportato al suo antico splendore.  

 

"Riportare i manufatti nella sede da dove si erano rimossi - spiega Anna Adele Aprile, responsabile del settore del restauro delle tele e delle superfici dipinte della Scuola Campana di Alta Formazione per la Conservazione ed il Restauro presso l'UniversitÓ degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa e direttore del Museo Storico dell'Istituto Suor Orsola Benincasa - rappresenta generalmente per un restauratore, l'atto conclusivo di un progetto conservativo che ha per obiettivo quello di essere il positivo transito tra passato e futuro dei manufatti che gli vengono affidati. Questo impegnativo lavoro di osservazione, diagnosi e intervento si deve attuare nel rispetto di tutte le specificitÓ storico artistiche di ogni oggetto.  

 

Ma in questo caso si Ŕ trattato di un lavoro davvero speciale perchÚ ha implicato il completo arredo pittorico della Chiesa dell'Immacolata oggi "Sala degli Angeli", che rappresenta l'identitÓ storica della intera cittadella monastica di Suor Orsola Benincasa, con ben sette dipinti ad olio su tela di grandi dimensioni realizzati da grandissimi pittori (Andrea Malinconico, Andrea Vaccaco, Santillo Sandino e Salvator Mollo) che nel loro insieme ci offrono una coeva pagina della pittura napoletana della seconda metÓ del XVII secolo davvero irripetibile per l'importanza degli artisti impegnati in questo arredo e per le iconografie che ci vengono da essi rappresentate".  

 

Questo riposizionamento Ŕ stato il coronamento di una lunga stagione laboratoriale delle molteplici attivitÓ didattiche di restauro che si svolgono da anni all'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa ed i cui frutti sono in parte esposti nel Museo Storico dell'Ateneo, ma soprattutto hanno rappresentato l'importante palestra nella quale generazioni di studenti hanno potuto entrare nel mondo del restauro apprendendo tutte le tecniche, dalla ricerca alla sperimentazione pratica, del restauro di manufatti lapidei, maioliche, legni, metalli, pitture su intonaco e su tela.  

 

Nel corso della presentazione al pubblico con la partecipazione di autorevolissimi studiosi (Pierluigi Leone De Castris, Ferdinando Bologna, Stefano Causa e Gaetana Cantone) l'equipe composta Anna Adele Aprile, Patrizia Somma, Ferdinando Calogero e Maria Paola Campeglia documenterÓ tutte le fasi del lavoro di restauro dell'arredo pittorico dell'ambiente nel quale si avvicendarono alcuni maestri di prima fila del contesto figurativo meridionale del terzo trentennio del Seicento: da Andrea Vaccaro (1604 - 1670) a Santillo Sandino fino ad Andrea Malinconico, questi ultimi due presto smarcatisi dall'orbita del loro maestro Massimo Stanzione.  

Un ultimo dipinto, probabilmente dello stesso Malinconico, fu integralmente restaurato (ossia praticamente rifatto) alla fine del '700, dal pi¨ andante solimenesco Salvatore Mollo.  

 

I dipinti sono tutti firmati per esteso (salvo l'Immacolata Concezione del Vaccaro); solo quello di Sandino risale al 1668, una data che potrebbe essere, contestualmente, un valido indicatore cronologico per le altre tele della sala.  

 

Alla presentazione prenderanno parte il Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa, Francesco De Sanctis, il presidente dell'Ente Morale Suor Orsola, Piero Craveri, il Preside della FacoltÓ di Lettere del Suor Orsola, Emma Giammattei, il direttore della Scuola Campana di Alta Formazione per la Conservazione ed il Restauro presso l'UniversitÓ degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa e il funzionario del Polo museale della CittÓ di Napoli, Flavia Petrelli.  

 

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti