UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Area comunicazione
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Comunicati stampa

UniversitÓ degli Studţ Suor Orsola Benincasa
Scuola Europea di Studi Avanzati

 

 

Una nuova rappresentanza politica dei cattolici?

Francesco Margiotta Broglio alla Scuola Europea di Alti Studi Politici

 

 

Giovedý 12 Aprile ore 16.30

Sala Villani

UniversitÓ Suor Orsola Benincasa

Via Suor Orsola 10, Napoli

 

 

Giovedý 12 Aprile alle ore 16.30 presso la Sala Villani dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa Francesco Margiotta Broglio, professore ordinario di "Storia e sistemi dei rapporti tra Stato e Chiesa" all'UniversitÓ di Firenze e uno dei pi¨ illustri esperti italiani di diritto ecclesiastico, sarÓ il protagonista del consueto appuntamento con le lezioni della Scuola Europea di Alti Studi Politici, il corso di alta formazione post laurea promosso dalla Scuola Europea di Studi Avanzati, uno dei Centri di Eccellenza dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa.

 

L'incontro sarÓ dedicato al tema "Una nuova rappresentanza politica dei cattolici?" e sarÓ strutturato, come di consueto, sempre in forma dialogica con l'intervento degli studenti e la partecipazione di Lucio d'Alessandro, Rettore dell'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa di Napoli, dell'onorevole Ciriaco De Mita e di Gennaro Carillo, professore ordinario di Storia delle dottrine politiche all'UniversitÓ Suor Orsola Benincasa e coordinatore didattico della Scuola Europea di Alti Studi Politici.

 

Francesco Margiotta Broglio

Dal 1971 Ŕ professore ordinario di "Storia e sistemi dei rapporti tra Stato e Chiesa" nella FacoltÓ di Scienze Politiche dell'UniversitÓ di Firenze; precedentemente professore di diritto ecclesiastico presso l'UniversitÓ di Urbino (1964-1968) e di Parma (1968-1971). Ha anche insegnato nella FacultÚ de Droit "Jean Monnet" dell'UniversitÚ de Paris; all'University College di Londra; all'Institut d'Etudes Politiques di Parigi; al Nuffield College di Oxford; Ŕ stato presidente del Master in relazioni internazionali dell'UniversitÓ di Firenze.

 

E' membro del collegio docenti del programma Socrates-Gratianus per il dottorato di ricerca in discipline canonistiche dell'UniversitÓ di Paris XI.
Tra il 1983 ed il 1987 ha fatto parte delle commissioni governative per la revisione del Concordato e per la stipula delle intese con le confessioni religiose diverse dalla cattolica; attualmente presiede la Commissione consultiva per la libertÓ religiosa istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Commissione governativa per l'attuazione delle disposizioni dell'Accordo tra Italia e Santa Sede, la Commissione governativa per la soluzione di alcune difficoltÓ interpretative delle disposizioni normative di derivazione concordataria, la Commissione governativa per la revisione dell'importo deducibile e per la valutazione del gettito della quota IRPEF.

 

E' presidente dell'International Council for Friendship and Good Feeling between States for Controversies on Discrimination in Teaching, Paris; dal 1997 Ŕ membro dell'executive board della Delegazione italiana UNESCO, della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO e del MOST (Management of Social Transformations Programme), oltre che di vari comitati per le convenzioni UNESCO. Il 6 ottobre 2009, durante la 35░ Conferenza Generale, Ŕ stato eletto alla carica di Presidente del Comitato giuridico dell'UNESCO per il periodo 2009-2011.
Dal 1998 al 2004 ha fatto parte del Management Board dell'Osservatorio del'Unione europea sui fenomeni razzisti e xenofobi (EUMC), con sede a Vienna.
E' commentatore di politica ecclesiastica per vari quotidiani e periodici, tra cui il "Corriere della Sera"; dirige la collana "Religione e SocietÓ", presso l'editore Il Mulino, Bologna. E' stato presidente della Fondazione "Primo Levi" di Cultura Ebraica e membro del Consiglio italiano per le Scienze Sociali, Roma. E' membro di numerose istituzioni culturali ed accademiche, tra le quali: Consociatio Internationalis Studio Iuris Canonici Promovendo; European Consortium for Church and State Research, Milano; ICLARS (Milano); FIERI (Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull'immigrazione), Torino.

 

La Scuola Europea di Alti Studi Politici

La Scuola Europea di Alti Studi Politici si propone di offrire ad un selezionato numero di laureati, operatori della vita pubblica, un'alta formazione nel campo dell'analisi e della programmazione strategica delle scelte relative alla vita collettiva nei suoi diversi livelli nazionali ed internazionali. Il programma didattico Ŕ articolato in lezioni magistrali con cadenza settimanale affidate a studiosi ed esperti a livello nazionale ed internazionale, seguite da un dibattito con i corsisti. La prima edizione del ciclo di lezioni Ŕ incentrata sul tema: Democrazia e rappresentanza.

Napoli, 12 Aprile 2012

Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/22 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti