MOTORE DI RICERCA

ACCESSO STANZA VIRTUALE



            

Comunicati stampa

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa
SAAD - Servizio di Ateneo per le Attività degli studenti con Disabilità

 

 

Napoli tra le mani

Nasce la rete per favorire la fruizione dei beni culturali da parte di persone con disabilità

Un progetto che mette insieme Università Soprintendenze e Associazioni

Sono tredici le strutture museali e i siti culturali coinvolti

 

 

Gennaio - Dicembre 2014

 

 

Esplorazioni tattili per non vedenti, linguaggio dei segni per i non udenti e accompagnamenti personalizzati per persone con disabilità motorie: per i prossimi dodici mesi alcuni dei luoghi artistici e culturali più belli della città di Napoli non avranno più barriere. È un progetto che non ha eguali a livello nazionale quello realizzato a Napoli dall'Università Suor Orsola Benincasa in collaborazione con le tre Soprintendenze napoletane (quella per i Beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici per Napoli e Provincia, quella speciale per i Beni archeologici di Napoli e Pompei e quella speciale per Polo Museale della città di Napoli), alcuni dei più prestigiosi luoghi d'arte della città (Duomo e Cappella del Tesoro, Catacombe di S. Gennaro e Basilica di Santa Maria alla Sanità, Tunnel Borbonico) e le associazioni a carattere nazionale che si occupano di persone con disabilità (U.N.I.Vo.C, ENS, U.I.C.I, DPI).

 

Un progetto sperimentale, nato già lo scorso anno con l'obiettivo della diffusione di buone pratiche nella gestione dei beni culturali per favorire l'inclusione delle persone con disabilità attraverso itinerari fruibili da tutti, e divenuto ora un sistema stabile che ha unito in Rete, con un protocollo d'intesa valido fino al 2016, l'Università Suor Orsola Benincasa, la Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici per Napoli e Provincia, la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, la Soprintendenza Speciale per il patrimonio storico, artistico, etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli, l'Orto Botanico, la Cappella del Tesoro di San Gennaro, l'Associazione Borbonica Sotterranea, la Cooperativa sociale onlus "la Paranza", l'ENS - Ente Nazionale Sordi, l'U.N.I.Vo.C - Unione Nazionale Italiana volontari pro-ciechi, l'U.I.C.I. - Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e la DPI - Disabled People's International - Italia Onlus.

 

"L'obiettivo della Rete "Napoli tra le mani" - spiega Ornella De Sanctis, delegata dal Rettore dell'Università Suor Orsola Benincasa alla Disabilità - è quello di garantire a ogni cittadino la possibilità di accesso e di fruizione del patrimonio archeologico e storico-artistico, nel rispetto del principio della "visitabilità", sancito dalle Linee Guida per il superamento delle barriere architettoniche nei luoghi di interesse culturale".

 

Un obiettivo che sarà raggiunto grazie al coordinamento svolto dal Servizio di Ateneo per le Attività degli Studenti con Disabilità (SAAD) che ha messo a disposizione esperienze e competenze maturate nel corso degli anni attraverso la realizzazioni di numerosi progetti sul tema della comunicazione dell'arte alle persone con disabilità.

 

Tra i principali impegni assunti dalle parti si segnalano: quello di consentire alle persone con disabilità visive di effettuare nei luoghi che fanno parte della Rete itinerari tattilo-narrativo; quello di operare in direzione del superamento delle barriere della comunicazione per consentire l'accesso alle persone sorde e sordo-cieche; quello della ricerca di soluzioni per l'accessibilità ai luoghi di cultura delle persone appartenenti alle comunità straniere residenti che abbiano per diversi motivi difficoltà a fruire del patrimonio culturale e di ogni altra categoria di pubblico svantaggiata.

 

Un'azione, dunque, di larga diffusione della cultura disegnata per superare qualsiasi tipo di diversità, garantendo a tutti i cittadini, in collaborazione con le associazioni nazionali che si occupano di persone con disabilità, il diritto universale alla cultura.

 

"Napoli tra le mani" è una preziosa occasione formativa per gli studenti della Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, che avranno, attraverso il Laboratorio SAAD "L'Arte apre alla disabilità", l'opportunità di approfondire modalità e tecniche di comunicazione del patrimonio storico-artistico alle persone con disabilità.

 

Numerose e quantomai prestigiose le strutture museali e siti culturali coinvolti nella Rete di "Napoli tra le mani": Museo Archeologico Nazionale, Catacombe di San Gennaro e Basilica di Santa Maria della Sanità, Duomo e Cappella del Tesoro di San Gennaro, Certosa e Museo di San Martino, Palazzo Reale, Museo di Capodimonte, Villa Pignatelli, Villa Floridiana e Museo Duca di Martina, Orto Botanico, Tunnel Borbonico.

 

Il primo programma di visite partirà a Gennaio e proseguirà fino a Dicembre 2014 secondo il calendario e con le modalità di fruizione e prenotazione riportati sul sito web www.unisob.na.it/saad

 

 

Info
SAAD - Servizio di Ateneo per le Attività degli studenti con Disabilità
Università Suor Orsola Benincasa di Napoli
Tel. 081.2522373/371 e-mail

Napoli, Gennaio - Dicembre 2014

Napoli, 29 novembre 2022
Il caso Pastificio Gentile: dalla Valle dei Mulini al mercato internazionale

Napoli, 29 novembre 2022
Il diritto e la competizione tecnologica: batterie e semiconduttori
Incontro con Alessandro Aresu


Napoli, 29 novembre 2022
Poteri nuovi. Privati, penetranti, opachi
Presentazione del volume di Maria Rosaria Ferrarese


Napoli, 30 novembre 2022
Presidenti della Repubblica. Da De Nicola al secondo mandato di Mattarella
Presentazione del libro di Andrea Pertici

Napoli, 30 novembre 2022
Riflessioni sulla riforma del processo tributario

Napoli, 1 dicembre 2022
L'educazione alla pace come strategia di resilienza

© 2004/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy · versione desktop · versione accessibile
XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0