MOTORE DI RICERCA

ACCESSO STANZA VIRTUALE



            

Comunicati stampa

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa
Centro Studi Pianistici "Vincenzo Vitale"
Accademia Europea di Musica e Arti dello Spettacolo

 

 

La figura e l'opera di Vincenzo Vitale

Studiosi da tutto il mondo ed esibizioni dei migliori giovani della sua Scuola per il trentennale dalla sua scomparsa

 

 

Martedì 17 Giugno ore 11

Sala degli Angeli

Università Suor Orsola Benincasa

via Suor Orsola 10

 

 

Il racconto del grande Maestro nelle parole dei suoi più illustri allievi e nelle esibizioni pianistiche dei migliori talenti della sua Scuola. Ci saranno tre generazioni di grandi musicisti a confronto Martedì 17 Giugno all'Università Suor Orsola Benincasa per le celebrazioni per il trentennale della scomparsa di Vincenzo Vitale (1908-1984).

 

Vincenzo Vitale può essere considerato il più grande esponente della gloriosa scuola pianistica napoletana fondata da Sigismondo Thalberg. Le brillanti innovazioni nel campo della tecnica pianistica lo hanno reso celebre in tutto il mondo, permettendogli di estendere anche all'estero la sua notevole attività didattica, a cui fin da giovane si era particolarmente dedicato. Molti, infatti, sono gli allievi di Vincenzo Vitale, divenuti musicisti illustri di caratura internazionale quali Riccardo Muti, Carlo Bruno, Bruno Canino, Michele Campanella, Laura De Fusco, Massimo Bertucci, Pina Buonomo, Aldo Tramma, Renato Di Benedetto e tanti altri.

 

Per celebrare il suo grande impegno nella formazione dei giovani a trent'anni dalla sua scomparsa l'Università Suor Orsola Benincasa, il Centro di Studi Pianistici Vincenzo Vitale e l'Accademia Europea di Musica ed Arti dello Spettacolo (AEMAS) hanno organizzato un'intesa giornata di studi ed esibizioni pianistiche che prenderà il via alle ore 11 nella prestigiosa Sala degli Angeli del Suor Orsola con il saluto introduttivo del Rettore Lucio d'Alessandro e del Maestro Michele Campanella, direttore del Centro Studi Pianistici Vincenzo Vitale che da oltre un lustro rappresenta un punto di riferimento di livello internazionale nella formazione pianistica grazie proprio alla collaborazione con Suor Orsola ed AEMAS che ne ospitano le attività.

 

E sarà una giornata proprio di respiro internazionale quella organizzata al Suor Orsola. Al tavolo dei relatori ci saranno, infatti, artisti e studiosi provenienti da ogni parte del mondo, come Viviana Nicoleta Ferrari dell'Università di Melbourne, autrice di uno studio approfondito sulla scuola di Vincenzo Vitale, Daniele Spini, responsabile della Progettazione artistica dell'Orchestra "Haydn" di Bolzano e Trento e Marisa Somma, docente del Conservatorio di Bari, oltre alla presenza dei maestri di punta del Centro Studi Vincenzo Vitale: Massimo Bertucci, Monica Leone e Stefania Bertucci.

 

Al pianoforte quattro giovani allievi eccellenti del Centro Studi Pianistici Vincenzo Vitale: il trevigiano Davide Osellame, il marchigiano Michele Castaldo, la polacca Maria Kasznia e il giovanissimo talento napoletano Antonio Sensale (14 anni). A loro il compito di cimentarsi con un programma di grande prestigioso da Bach a Cajkovskij, da Schubert a Chopin.

 

"In occasione del trentennale dalla scomparsa di Vincenzo Vitale ed a poche settimane dal ventennale dell'introduzione dell'insegnamento universitario di Storia della Musica nel nostro Ateneo - spiega Lucio d'Alessandro, Rettore dell'Università Suor Orsola Benincasa - abbiamo voluto sostituire il nostro tradizionale appuntamento musicale con il Concerto per il Solstizio d'Estate con una giornata che esaltasse la funzione pedagogica della musica con le esibizioni di giovani allievi di talento le cui diverse provenienze, anche internazionali, testimoniano con forza la capacità attrattiva del sistema formativo della nostra città in presenza di progetti seri e di una rete virtuosa di alleanze".

 

Vincenzo Vitale: la biografia di un grande Maestro

Nato a Napoli nel 1908, Vincenzo Vitale seguì nella sua città i corsi di pianoforte, composizione e gli studi classici. A Parigi, nel 1932 ottenne il Diploma di "Exécution", con menzione, all'Ecole Normale de Musique (classe Cortot).

 

Iniziò subito la carriera concertistica, suonando da solo e con orchestra nelle principali istituzioni musicali. Hindemith lo volle collaboratore per prime esecuzioni di sue musiche.

 

Nel 1944 fondò l'Orchestra Napoletana da Camera che nel 1948, divenne l'orchestra Scarlatti, in seguito della RAI. Vinse vari concorsi per cattedre nei Conservatori e nei Licei Musicali italiani. Ha insegnato a Udine, a Palermo ed a Napoli. Nel 1962 fu invitato ad insegnare, per un anno accademico, alla Indiana University (USA). Ha insegnato al Conservatorio di Roma e all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

 

Nel 1955 pubblicò la Gazzetta Musicale di Napoli, rassegna di critica e musicologia. Ha collaborato alla Rivista Musicale italiana dell'ERI con articoli su pianisti che operarono a Napoli nell'800 (Lanza, Thalberg, i pianisti del Circolo Bonamici). Ha pubblicato per le Edizioni Curci musiche italiane del '700 (Paradisi, Abate De Rossi Romano) e per la Carisch 31 sonate per il fortepiano di Domenico Cimarosa.

 

Nel 1968 il Ministro della Pubblica Istruzione gli conferì la medaglia d'oro per i benemeriti della Scuola, della Cultura e dell'Arte nominandolo, poi, professore emerito.

 

Due collane di cinque dischi ciascuna dal titolo La scuola pianistica di Vincenzo Vitale sono state realizzate con la collaborazione di quarantadue pianisti suoi alunni. È morto a Napoli nel 1984.

Napoli, 17 Giugno 2014

Napoli, 5 dicembre 2022
Giornata della matricola 2022/23
Accoglienza nuovi iscritti e presentazione del Corso di perfezionamento in Introduzione alle discipline psico-pedagogiche


Napoli, 6 dicembre 2022
Infoguerra. Guerre d'informazione nell'Infosfera
Presentazione del libro di Eugenio Iorio

Napoli, 7 dicembre 2022
Napoli cent'anni fa
1922-2022

Lezione magistrale di Paolo Mieli


Napoli, 12-13 dicembre 2022
Napoli alle soglie del secolo. Dagli archivi alle storie

Napoli, 14 dicembre 2022
ALSOB Christmas Meeting 2022


Napoli, 15 dicembre 2022
Bisanzio e l'Europa: attualità di un passato

© 2004/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy · versione desktop · versione accessibile
XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0