MOTORE DI RICERCA

ACCESSO STANZA VIRTUALE



            

Comunicati stampa

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa
Sapienza Università di Roma
Accademia Polacca Roma
Istituto Italiano per gli Studi Storici

 

 

Dall'Europa 'illegale' all'Europa unita

Un convegno internazionale sulla biografia e l'opera di Gustaw Herling

Presentazione del progetto dell'Archivio Herling a Napoli

 

 

1-2 Dicembre Roma e Napoli

 

 

Lunedì 1 Dicembre alle ore 9.30 all'Accademia Polacca delle Scienze di Roma si aprirà il convegno internazionale "Dall'Europa 'illegale' all'Europa unita", dedicato alla figura e all'opera di Gustaw Herling (Kielce 1919 - Napoli 2000), uno dei maggiori scrittori polacchi del secondo Novecento, autore di Un mondo a parte (1951), fra le prime sconvolgenti testimonianze letterarie sul GuLag sovietico, del monumentale Diario scritto di notte, di saggi e racconti, molti dei quali ispirati alla storia, l'arte e il paesaggio italiani.

 

Due giorni di confronto organizzati dall'Accademia Polacca delle Scienze, dal Dipartimento di Studi Europei, Americani e Interculturali dell'Università "La Sapienza" di Roma, dall'Istituto Italiano per gli Studi Storici e dall'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, che ospiterà martedì 2 dicembre a partire dalle 15 la sessione conclusiva del convegno.

 

Nella prima giornata di lavori si alterneranno al tavolo dei relatori specialisti dell'opera di Herling, studiosi di letteratura e cultura polacca, russa e italiana, e di storia dei totalitarismi, provenienti da Italia, Francia e Polonia: Wlodzimierz Bolecki, Zdzislaw Kudelski, Ewa Bienkowska, Krystyna Jaworska, Marta Wyka, Maria Delaperrière, Andrea Gullotta.

 

La sessione conclusiva al Suor Orsola, aperta dal Rettore, Lucio d'Alessandro, avrà, invece, il suo filo conduttore nel dialogo fra Polonia, Italia, Europa attraverso la biografia e gli scritti di Herling. Il dialogo con Benedetto Croce (Emma Giammattei), la lunga collaborazione con Chiaromonte e Silone (Marco Bresciani), l'esperienza dell'esilio nel confronto con una altro grande testimone del ‘900 come Aleksander Wat (Luigi Marinelli), saranno alcuni dei temi affrontati.

 

In conclusione la tavola rotonda "Gustaw Herling in Italia. Riflessioni e testimonianze" sull'attualità del retaggio artistico, morale e civile dell'opera di Gustaw Herling. Un dibattito coordinato da Piero Craveri al quale prenderanno parte Francesco Cataluccio, Giuseppe Galasso, Wlodek Goldkorn e Paolo Mieli.

 

Il progetto di digitalizzazione dell'Archivio Herling a Napoli

In occasione del convegno sarà anche presentato il progetto di inventariazione e digitalizzazione dell'Archivio Herling a Napoli presso la Fondazione Biblioteca Benedetto Croce, realizzato in collaborazione con la Biblioteca Nazionale di Varsavia, con i fondi del Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale della Repubblica di Polonia.

 

"L'archivio - anticipa Luigi Marinelli, docente di letteratura polacca all'Università "La Sapienza" e fra i promotori del convegno - rappresenta una fonte ricchissima di documenti letterari e storici per la ricostruzione della figura intellettuale dell'autore di Un mondo a parte e del Diario scritto di notte, delle sue frequentazioni artistiche, politiche e personali lungo tutta l'Europa divisa (e perciò ‘illegale' dell'epoca), negli anni successivi alla seconda guerra mondiale fino al crollo del comunismo e oltre. Ma anche un grande archivio di speranze e delusioni, di contrasti e intensi dibattiti negli ambienti esiliati e dissidenti e in genere dell'intellighenzia europea di quel tempo".

 

"È altamente significativo - evidenzia Marta Herling curatrice dell'Archivio - che questo patrimonio di testi letterari e documenti si conservi a Napoli nella sede della Fondazione Croce, e che in occasione del convegno si potrà farlo conoscere e renderlo disponibile alla comunità scientifica, per contribuire alla costruzione di quel patrimonio comune dell'Europa e dei suoi valori liberali e democratici risorti dopo l'89. In particolare le pagine italiane dell'archivio, con testimonianze di scrittori e intellettuali, del calibro di Silone, Chiaromonte, Flaiano, Cristina Campo, Traversi, Bettiza, di esponenti politici, come Saragat, Carlo Ripa di Meana, Francesco Compagna o Giovanni Spadolini, illuminano il percorso e le voci del dissenso e della critica ai regimi totalitari dell'est-europeo, nei loro intrecci ancora inediti, con la resistenza operante in quei paesi e con la diaspora dell'emigrazione polacca dopo Yalta, e aprono prospettive di studio e di ricerca ancora da esplorare".

 

La biografia di Gustaw Herling

Nato a Kielce nel 1919, Gustaw Herling svolse gli studi polonistici all'Università di Varsavia e debuttò negli anni trenta come acuto critico letterario.

 

Con lo scoppio della guerra, partecipò attivamente alla resistenza antinazista. Arrestato dai sovietici nei territori orientali della Polonia nel marzo 1940, fu deportato nel campo di prigionia di Ercevo sul Mar Bianco. Liberato nel gennaio 1942, si unì all'esercito polacco del generale Anders in Medio Oriente: partecipò alla campagna d'Italia e alla battaglia di Montecassino dove fu decorato con l'ordine Virtuti Militari.

 

Esule in Italia dopo la guerra, fondò a Roma con Jerzy Giedroyc la rivista "Kultura", poi si stabilì a Londra e a Monaco dove lavorò a Radio Free Europe.

 

Dal 1955 visse a Napoli dopo il matrimonio con Lidia Croce, terzogenita di Benedetto Croce. Collaborò alle riviste e ai giornali italiani più prestigiosi: "Tempo presente" di Ignazio Silone e Nicola Chiaromonte; "Il Mondo" di Pannunzio, il "Corriere della Sera" - con la direzione di Giovanni Spadolini - "Il Giornale", "La Stampa", la "Fiera Letteraria" e "Il Mattino".

 

Nei lunghi anni dell'esilio, il suo nome è stato messo all'indice in Polonia e i suoi scritti circolavano nell'editoria clandestina e dell'emigrazione. Nel maggio 1991 è potuto tornare nel suo paese: gli sono state conferite le lauree honoris causa dall'Università di Poznan (1991), Lublino (1997) e Cracovia (2000), e le sue opere sono state pubblicate da diversi editori. Dal 2000 la casa editrice Wydawnictwo Literackie di Cracovia sta pubblicando tutte le edizioni critiche delle Opere complete.

 

La caduta del Muro di Berlino e la riscoperta delle sue opere

In Italia il suo celebre Un mondo a parte pubblicato a Londra nel 1951 con la prefazione di Bertrand Russel, uscì per Laterza nel 1958, e per Rizzoli nel 1965: ma entrambe le edizioni sono state avvolte da una cortina di silenzio.

 

Solo dopo la caduta del Muro di Berlino, si è avuta dal 1990 una riscoperta della sua produzione letteraria a livello europeo: con l'edizione dei Due racconti: La Torre - Il Miracolo (Scheiwiller 1990), la raccolta di saggi Gli spettri della rivoluzione (Il Ponte alle grazie 1991), le edizioni di Feltrinelli curate da Francesco Cataluccio: La scelta del Diario scritto di notte (1992); Un mondo a parte (1994, 2003); i volumi di racconti: Ritratto veneziano (1995) e Don Ildebrando (1999); e le recenti edizioni dell'Ancora del Mediterraneo: Ricordare, raccontare. Conversazione su Šalamov (1999); Variazioni sulle tenebre. Conversazione sul male (2000); Breve racconto di me stesso (2001), L'isola (2003), Requiem per il campanaro (2003), La notte bianca dell'amore (2004), Il pellegrino della libertà, a cura di Marte Herling (2006).

 

Gustaw Herling è morto a Napoli il 4 luglio del 2000. Il 20 novembre 2012, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il Presidente della Polonia Bronislaw Komorowski e il Presidente della Germania Joachim Gauck, hanno reso omaggio e hanno dato testimonianza alla memoria di Gustaw Herling, nella cerimonia di scoprimento della targa apposta sulla facciata della casa di via Crispi dove egli visse.

 

Programma completo

 

 

 

Istituto italiano per gli studi storici
Tel.: 081/5512390-5517159 e-mail

Roma-Napoli, 1-2 Dicembre 2014

Napoli, 5 dicembre 2022
Giornata della matricola 2022/23
Accoglienza nuovi iscritti e presentazione del Corso di perfezionamento in Introduzione alle discipline psico-pedagogiche


Napoli, 6 dicembre 2022
Infoguerra. Guerre d'informazione nell'Infosfera
Presentazione del libro di Eugenio Iorio

Napoli, 7 dicembre 2022
Napoli cent'anni fa
1922-2022

Lezione magistrale di Paolo Mieli


Napoli, 12-13 dicembre 2022
Napoli alle soglie del secolo. Dagli archivi alle storie

Napoli, 14 dicembre 2022
ALSOB Christmas Meeting 2022


Napoli, 15 dicembre 2022
Bisanzio e l'Europa: attualità di un passato

© 2004/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy · versione desktop · versione accessibile
XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0