MOTORE DI RICERCA

ACCESSO STANZA VIRTUALE



            

Comunicati stampa

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa
Comune di Napoli - Assessorato alle Pari Opportunità
Pari e Dispari
Sportello pari opportunità del Comune di Napoli
presso l'Università Suor Orsola Benincasa

 

Una donna turchese. Tra arte, diritti, e culture

Conversazione con Serra Yilmaz

 

Lunedi 29 Marzo ore 10.30  

 

Sala degli Angeli  

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa  

Via Suor Orsola 10 - Napoli  

 

 

Lunedì 29 Marzo alle ore 10.30 "Pari e Dispari", lo sportello pari opportunità del Comune di Napoli presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, ospita Serra Yilmaz, attrice turca, nota in Italia per le sue interpretazioni nei film di Ferzan Ozpetek, come occasione per conversare di arte, diritti e culture con lei e con Andreina Swich, autrice del libro "Una donna turchese" (Baldini Castoldi Dalai Editore).  

 

All'incontro saranno presenti Serra Yilmaz, attrice, Andreina Swich, scrittrice, autrice di "Una donna turchese", Valeria Valente, assessora alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, Maria Rosaria Ferre e Maria D'Ambrosio, coordinatrici dello sportello "Pari e Dispari".  

 

Il libro di Andreina Swich ripercorre la storia della Turchia attraverso la vita e la ricca esperienza di Serra Yilmaz, che rappresenta un testimone di grande valenza di un mondo plurale e complesso, di cui è interprete, in cui il tema delle differenze culturali si intreccia inevitabilmente con il tema dell'identità e lascia emergere la difficoltà di aderire a categorie come Oriente e Occidente e mette in crisi alcune immagini stereotipate su cui si va costruendo e dividendo il mondo.  

 

La presenza di Serra Yilmaz e lo sguardo che ci propone di lei Andreina Swich forniscono proprio il senso di posizioni e visioni difficili da semplificare in categorie precostituite perché l'appartenenza a una cultura emerge come opportunità per ciascuno di esprimersi e pure di innovare quella stessa cultura.  

 

L'incontro aperto al pubblico sarà pertanto una grande occasione di riflessione e confronto, vivo, su un'esperienza di vita, tutta al femminile, che vuole "parlare" della praticabilità del rispetto tra culture differenti, a partire dalla comune tensione all'emancipazione e al rispetto, da conquistare giorno dopo giorno.  

 

Serra lmaz, attrice e intellettuale nota in tutto il mondo e, da anni, molto amata anche in Italia soprattutto grazie ai film di Ferzan Özpetek, è la «donna turchese», perché così la definì una ragazza in Francia. "Viene dalla Turchia? È turchese allora!", definizione che piacque a Serra perché se, da un lato, ama il suo Paese, dall'altro detesta ogni forma di connotazione nazionalistica. Turchese è anche il suo colore preferito, la pietra dura dei suoi orecchini e delle sue innumerevoli sciarpe, i suoi grandi occhi e la sfumatura che ha spesso nei capelli. È la sua storia personale, corredata da uno splendido apparato fotografico, a guidarci in questo viaggio, una storia che si intreccia inevitabilmente a quella della Turchia - di cui da tempo si discute in vista del suo ingresso in Europa - e che diviene il filo conduttore di un percorso attraverso la condizione delle donne di questo Paese. Non figlie dell'Islam, o meglio, non solo figlie dell'Islam, non tutte figlie dell'Islam, ma semplicemente e, prima di tutto, «donne», al di là di ogni connotazione religiosa. E donne anche molto combattive. «Se non lotti non esisti», dice una di loro a proposito delle conquiste ottenute con la recente riforma del codice civile e penale. Una testimonianza che si lega alle molte interviste, ai racconti, alle battaglie pubbliche e private di altre donne che l'autrice ha incontrato e ascoltato. Un viaggio divertente, appassionato, a tratti anche drammatico, sullo sfondo suggestivo del ponte che collega l'Asia all'Europa, il Bosforo, dove centinaia di piccole luci multicolori riflettono questo universo contraddittorio, anche nei suoi lati più affascinanti e sconosciuti.  

 

Andreina Swich scopre il fascino della Turchia dopo aver dedicato tutta la sua vita professionale perlopiù alla cultura germanica, passando per la pubblicità, le traduzioni, l'insegnamento e l'editoria. La stima e l'amicizia per Serra Yilmaz hanno dato vita a questa avventura.  

 

 

Serra Yilmaz, nata a Istanbul, attrice e intellettuale, vive dividendosi tra la Turchia, la Francia e l'Italia, dove gode di molta popolarità grazie alla partecipazione ai film di Ferzan Özpetek e a numerose stagioni di successo al Teatro di Rifredi a Firenze.  

 

 

Contatti  

 

Sportello pari e dispari  

 

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa  

 

Corso Vittorio Emanuele, 292 Napoli  

 

Tel. 0812522317  

 

e-mail: pariedispari.comune.napoli@gmail.com  

 


Napoli, 29 gennaio 2020
GEF
Giornata dell'empowerment femminile


Napoli, 29 gennaio 2020
Il 'Novellino' di Masuccio Salernitano e la pittura di Colantonio: un classico della letteratura in dialogo con le arti figurative


Napoli, 4 febbraio 2020
Camorra Ink
Ciclo di incontri 'Un libro al mese'
Napoli, 19 novembre 2019 - 4 febbraio 2020

Napoli, 18-21 febbraio 2020
Open Week 2020
Giornate di Orientamento di Ateneo


Napoli, 4 dicembre 2019 - 5 marzo 2020
#campaniatextilis - Atlante delle manifatture tessili storiche in Campania
Mostra documentaria e didattica / open access

Napoli, 17 gennaio - 17 marzo 2020
Letteratura, cinema, musica e teatro per raccontare le mafie e la corruzione
Quarta edizione della rassegna di incontri ideata dal Centro di Ricerca ReS Incorrupta

© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy · versione desktop · versione accessibile
XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0