Eventi

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa

SIPED - Società Italiana di Pedagogia
Gruppo di Pedagogia politica

 

 

 

Populismi e sovranismi. Inquietudini e risposte pedagogiche

 

 

Seminario di studi

Napoli, martedì 12 novembre 2019
Sala Pagliara, via Suor Orsola 10

 

 

 

Ore 12,00

Indirizzo di saluto

Enricomaria Corbi
Direttore del Dipartimento di scienze formative, psicologiche e della comunicazione
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Coordinano

Fabrizio Manuel Sirignano
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Stefano Salmeri
Professore associato di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Enna Kore

Componenti del Gruppo

Giuseppe Annacontini
Professore associato di Pedagogia generale e sociale
Università del Salento

Lucia Ariemma
Ricercatore di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli

Caterina Benelli
Ricercatore di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Messina

Gaetano Bonetta
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Catania

Enricomaria Corbi
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Liliana Dozza
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Libera Università di Bolzano

Giuseppe Elia
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Bari

Anita Gramigna
Professore associato di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Ferrara

Maria Grazia Lombardi
Ricercatore di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Salerno

Emiliana Mannese
Professore associato di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Salerno

Francesca Marone
Professore associato di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Napoli Federico II

Franca Pinto Minerva
Professore emerito di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Foggia

Stefano Salmeri
Professore associato di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Enna Kore

Vincenzo Sarracino
Professore straordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Fabrizio Manuel Sirignano
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Giuseppe Spadafora
Professore ordinario di Didattica generale
Università degli Studi della Calabria

Maria Rosaria Strollo
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Napoli Federico II

Alessandro Tolomelli
Ricercatore di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Bologna

Maria Tomarchio
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Catania

Sergio Tramma
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Milano Bicocca

Simonetta Ulivieri
Professore ordinario di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi di Firenze

Alessandro Vaccarelli
Professore associato di Pedagogia generale e sociale
Università degli Studi dell'Aquila

Componenti esterni

Gabriella Calvano
Assegnista di ricerca, Università degli Studi di Bari

Stefania Maddalena
Dottore di ricerca, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Federica Paolozzi
Dottoranda di ricerca, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Maria Dimasi
Democritus University of Thrace, Grecia

Rosabel Roig Vila
Universidad de Alicante, Spagna

Juan J. Leiva Olivencia
Universidad de Málaga

José Gómez Galán
Metropolitan University UMET, Puerto Rico, United States

 

 

 

Obiettivi del Gruppo

Il lungo itinerario storico-teoretico della riflessione pedagogica, dalla paideia greca alla pedagogia scientifica, fatto di accelerazioni improvvise e di brusche frenate sul piano epistemologico, fa emergere l'intimo nesso che lega il sapere pedagogico alla politica.

 

In un'epoca di delegittimazione della politica e di mancanza di punti di riferimento è fondamentale ripensare la relazione pedagogia/politica.

 

È vero che la politica - per le sue contraddizioni e per i fenomeni di corruzione che hanno interessato numerosi esponenti dei Partiti - viene vissuta come luogo di contaminazione e spazio antietico, non avendo pudore a mascherare improvvisazioni, rampantismo, violenza.

 

La pedagogia, scienza della formazione e dell'emancipazione dell'uomo, strategia e metodo per la cultura, sistema epistemico e critico ha l'obbligo, etico e civico, di riallacciare il confronto e recuperare il suo ruolo di disciplina orientatrice in funzione di un'educazione alla cittadinanza attiva, che permetta di restituire ai giovani, alla società civile e ai singoli soggetti il piacere dell'impegno, della partecipazione e della capacità di scegliere e prendere posizione all'interno della polis/civica e dello stato per progettare e costruire un mondo migliore, solidale e democratico.

 

Per la pedagogia democratica, la politica è il terreno a partire dal quale diventa inevitabile promuovere il pluralismo, costruire il confronto e il dialogo, definire le strategie per il futuro della scuola, dell'università e dei giovani. Se non c'è educazione senza democrazia e non si dà democrazia senza educazione, la pedagogia deve elaborare percorsi condivisi con il mondo della politica, educando alla coscientizzazione, al consenso e/o al dissenso consapevoli, scongiurando genericismo, qualunquismo, disinteresse, banalizzazioni e populismi.

 

La pedagogia non può accettare di piegarsi ai dogmi di questo o quel formalismo, che la vorrebbero ridurre a disciplina asettica, tecnicistica, vuota, ribadendo la sua natura teoretica, epistemica ed ermeneutica per individuare le risposte più adeguate al cambiamento, alla complessità e ai nuovi sistemi/modelli della comunicazione.

 

La scuola e l'Università richiedono strategie e scelte capaci di garantire un futuro ai giovani.

 

Ciò comporta un continuo scambio tra pedagogia e politica, affinché si promuovano itinerari formativi, che abbiano come meta la reale educazione/istruzione dei cittadini come uomini di cultura, soggetti impegnati nel sociale, lavoratori.

 

La pedagogia, autenticamente democratica, libertaria, liberatrice, emancipatrice non può avere atteggiamenti di sudditanza a tecnicismi e saperi standardizzati e standardizzanti, perché è disciplina aperta, problematizzante e critica, capace di tracciare e prefigurare gli orizzonti della ricerca, non secondo logiche schematiche e rigide, ma secondo principi dinamici, inclusivi e democratici.

 

Politica e pedagogia sono, pur nelle differenze, fattori e variabili indispensabili per il vivere civile e democratico, avendo entrambe l'obiettivo prioritario di far diventare patrimonio di tutti ciò che è privilegio di pochi.

 

Il Gruppo di Pedagogia politica - che nasce sulla scorta dell'esperienza già maturata nell'International Research Group Education and Politics (IREP), costituito ed operante da anni nell'ambito di un partenariato con Atenei del Sud Europa - si pone in questa prospettiva, evidenziando che la pedagogia, attraverso un confronto sistematico ed epistemologicamente fondato, ha il compito di indicare le linee di indirizzo alla politica basate su: nonviolenza, pace, convivenza democratica, rispetto dei marginali e di tutti i soggetti più deboli, intercultura, tutela delle minoranze, rispetto della differenza di genere, dell'omosessualità, della disabilità, dell'ambiente, del territorio e di tutti i valori etici che incrementano le pratiche solidali, il mutuo riconoscimento e l'apertura all'alterità.

 

L'incontro è riservato ai componenti del Gruppo.


Napoli, 17-18 ottobre 2019
L'architettura del giardino in Europa
Evoluzione storica e nuove prospettive possibili

Convegno di studi sul giardino storico


Napoli, 8-18 ottobre 2019
Il Paese delle disuguaglianze
Settimana della Sociologia 2019


Napoli, 17-19 ottobre 2019
Sibyllam Field Study 2019
Conservation Art Italy Tour in Naples

Workshop


Napoli, 22 ottobre 2019
La critica dantesca nel primo ventennio del Novecento. Dalla scuola storico-erudita alla lettura di Benedetto Croce
Ciclo di seminari 'Nell'ascolto di Dante. Tra filologia e passione'
Napoli, 22 maggio - 21 novembre 2019


Napoli, 28-29 ottobre 2019
«Ma un giorno a me riesca la santa cosa...»
La Letteratura come Maestra

Convegno di studi in onore di Emma Giammattei


Napoli, 8 novembre 2019
Le ricerche di mercato. Luci ed ombre
Dibattito

© 2004/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0