InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Il progetto

Un Erasmus per il Mediterraneo


Una giornata dedicata ai temi dell'immigrazione e della cooperazione internazionale. All'ex facoltà di Economia dell'Università Federico II si è svolto l'evento, organizzato dalla rappresentanza italiana della Commissione europea, per stabilire nuove strategie d'integrazione nell'ambito del progetto "Conoscere per deliberare".

Nella mattinata si è tenuto un workshop deliberativo per raccogliere idee e proposte da presentare al Parlamento europeo su migrazioni e cambiamenti demografici. In particolare è emersa la necessità di riconsiderare i flussi migratori come risorsa utile a bilanciare l'invecchiamento della popolazione europea e la possibilità di dare nuovo slancio con le seconde generazioni nel rinnovamento delle competenze lavorative.

Dai tavoli di discussione è emersa la proposta di un progetto Erasmus per il Mediterraneo: un canale di formazione dal quale poterebbero passare scambi inter-culturali tra il nostro continente e i paesi africani affacciati sul Mare Nostrum. Uno strumento che dovrebbe permettere ai giovani migranti di poter poi tornare nei loro paesi di origine con un bagaglio di nuove competenze e conoscenze per formare un vero e proprio popolo euro-mediterraneo.

Nella seconda parte della giornata si è tenuta un'assemblea plenaria, dopo il saluto del sindaco Luigi de Magistris, in cui si è stato tracciato un bilancio della giornata e presentato i risultati del workshop. "Non realizziamo solo politiche contro l'emergenza migratoria - ha ricordato Lucio Battistotti, direttore della rappresentanza in Italia della Commissione europea - ma sforziamoci di avere una visione di come sarà l'Europa tra cinque anni". Tra i relatori anche Benedetto Della Vedova, sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e unico rappresentante del Governo all'evento, che ha ribadito la necessità di regolamentare i flussi migratori, guardando ai prossimi venti anni e non solo a ridosso delle tornate elettorali. "L'Europa avrà bisogno di cittadini non solo migratori ma permanenti - ha affermato Philippe Fargues, direttore del Migration Policy Center IUE di Firenze -. Il rischio è che l'Unione Europea si chiuda agli stranieri e al tempo stesso non completi la sua piena realizzazione politica. Invito la Merkel a pensare più nel lungo periodo e a non guardare alle prossime elezioni europee".

Daniele Gargagliano

[1.4.2014 - 20:03]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0