InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Teatro San Carlo

Con l'Otello riparte la stagione lirica
Atteso a Napoli il Presidente Mattarella


Le tende color rosso pompeiano si riaprono. In occasione della nuova Stagione lirica del Teatro San Carlo, verrà messo in scena l'Otello di Giuseppe Verdi. All'evento sarà presente il Capo dello Stato Sergio Mattarella. L'opera sarà in programmazione nel teatro partenopeo dal 21 novembre fino al 14 dicembre 2021.

IL RITORNO. Il San Carlo riparte con una sorpresa: per l'opera di Verdi, in regia ci sarà Mario Martone, autore della recente pellicola 'Qui rido io'. Il regista torna nel più importante teatro cittadino dopo 6 anni.

Per l'evento, la produzione napoletana ha collaborato con il Teatro Massimo di Palermo. L'orchestra dell'opera sarà diretta dal maestro Michele Mariotti con il Coro Lirico di Napoli che per l'occasione è stato preparato da José Luis Basso.

Il tenore tedesco Jonas Kaufmann, invece, sarà di nuovo l'apripista della stagione, come l'anno scorso, interpretando Otello. La soprano Maria Agresta avrà il ruolo di Desdemona. I due divi del canto hanno già interpretato l'opera insieme alla Reggia di Caserta per 'L'Estate da Re', nel 2018, in un memorabile concerto in cui hanno eseguito anche il celebre duetto finale dell'Otello. Le scenografie sono di Margherita Palli. I costumi sono stati affidati a Ortensia De Francesco. A creare la giusta l'atmosfera, con le sue luci, ci penserà Pasquale Mari.

OTELLO OGGI. "Per attualizzare il contesto - spiega Martone - abbiamo pensato a un paesaggio mediorientale di oggi, una sorta di deserto, un campo di battaglia che è terra di migrazioni e di guerre".

Non è assolutamente un caso che Otello, Desdemona e Jago siano 'trasformati' in soldati in tuta mimetica.

Il regista napoletano sottolinea come "Verdi fosse un uomo che guardava alla società del suo tempo". E proprio per questo motivo che l'artista vuole mettere in primo piano le urgenze di oggi: "Il teatro è un luogo vivo, non un museo. Dobbiamo porci delle domande. Come si fa a mettere in scena un femminicidio senza pensare all'allarme sociale che circonda l'argomento? È difficile non pensare a tutte le donne uccise da un uomo che grida di amarle".

Ma come fare per non tradite Otello e Verdi? Martone dice di aver cercato soluzioni plausibili con il testo, affinando la ricerca e pensando alla dimensione orientale e un po' magica in cui Verdi e Boito ambientano l'azione.

OSPITE D'ONORE. Cresce la grande attesa per il Presidente della Repubblica: Mattarella sarà in sala alla prima e insieme a lui potrebbero esserci anche alcuni ministri. Il capo dello Stato torna al Teatro San Carlo dopo tre anni: l'ultima volta presenziò, in occasione dell'appuntamento 'Symposium Cotec Europa', con il Re di Spagna Felipe VI e il presidente della Repubblica portoghese Marcelo Rebelo de Sousa.

Mattia Ronsisvalle

[20.11.2021 - 14:13]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0