InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Emergenza rifiuti a Roma
Al collasso il sistema di smaltimento


Roma una discarica a cielo aperto. Non solo la periferia, dove anche durante l'emergenza pandemica i cittadini chiusi in casa facevano fatica ad aprire le finestre per il cattivo odore emanato dai cassonetti stracolmi. Ma anche il centro. Ovunque si vedono cumuli di rifiuti, a terra perché "i camion della spazzatura passano raramente", come testimoniano alcuni cittadini.

Il sistema di smaltimento rifiuti di Roma Capitale è al collasso. Dopo la chiusura della discarica di Malagrotta e in assenza di impianti di riciclo la Capitale ha iniziato a contrattare periodicamente con le altre regioni il trasferimento dei rifiuti prodotti in città. Così le cose sono andate un po' meglio a fine luglio scorso, dopo alcune settimane cruciali dove a causa del caldo si stava creando una situazione critica dal punto di vista anche igienico. Ora, siamo di nuovo in una fase di stallo perché non si è deciso ancora in quale regione portare i rifiuti. Così le 4000 tonnellate di rifiuti al giorno prodotte da Roma restano sui camion o per le strade. In alcuni quartieri si avvistano anche topi vicino ai cassonetti , è successo a Cinecittà, nella periferia Est, a pochi metri dalla chiesa di Don Bosco e a 10 minuti dagli studios.

Che succede? "E' come sempre - dice un cittadino -rimbalzo di responsabilità tra Regione Lazio che gestisce il piano rifiuti, Ama, la municipalizzata che pare ingessata, e Comune".

Lucia Stefania Manco

[23.11.2021 - 13:55]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0