InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Eventi

Il goulash nello spazio
l'astronauta diventa chef


L'astronauta Mathias Maurer sarà il primo chef tra le stelle. Si, perché a febbraio Maurer parteciperà a un evento culinario nello spazio che si svolgerà contemporaneamente in altri 50 ristoranti del pianeta. Cucinerà un Rendang di manzo, goulash indonesiano con una variante adatta all'alimentazione interstellare. Il tutto sarà trasmesso in streaming.

L'astronauta sarà impegnato per sei mesi nella missione Cosmic Kiss e in occasione dell'evento sfoggerà anche le sue doti di dj mixando un pezzo composto appositamente da Bernd Breiter e dal violinista David Garrett.

I cibi arriveranno alla Stazione Spaziale Internazionale e come dice l'astronauta "farò poi del mio meglio per prepararli nel migliore dei modi". Carne di manzo, con latte di cocco e riso speziato saranno gli ingredienti che verranno uniti da Mathias Maurer con un delizioso sottofondo musicale. Alla fine della cottura del piatto, tutto l'equipaggio potrà assaggiare la prelibatezza. Durante la preparazione della pietanza ci saranno anche altri 50 ristoranti del pianeta che cucineranno la stessa variante di goulash sulla Terra.

Tutti potranno virtualmente partecipare alla cena poiché sia quella nello spazio sia quelle sulla Terra, incluse nel progetto Space Club Kitchen, saranno visibili in streaming scaricando una semplice app. Magari molti decideranno anche di cimentarsi nella preparazione della ricetta.

L'evento interstellare infine avrà anche uno scopo benefico con la partecipazione al progetto One Milion Meals che raccoglierà donazioni alimentari per enti di beneficenza.

Maria Chiara Valecce

[24.11.2021 - 14:36]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0