InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Sasha' Kuvshinova

Era dj e amava l'Italia


Aveva solo 24 anni la giornalista ucraina Oleksandra 'Sasha' Kuvshinova, rimasta uccisa il 15 marzo quando il suo veicolo è stato colpito dal fuoco nemico a Horenka, nella periferia di Kiev. Oleksandra era una consulente locale per l'emittente americana Fox News e aveva supportato la squadra nell'ultimo mese. Insieme con lei, durante l'agguato, erano presenti anche il cameraman veterano di Fox News Pierre Zakrzewski e il collega Benjamin Hall. Il primo, un uomo di 55 anni, è rimasto ucciso nell'esplosione, mentre il secondo, 39 anni, è rimasto ferito e portato in ospedale.

Numerosi sono stati i messaggi di cordoglio da parte dei colleghi, pubblicati sul sito web della testata americana. Primo, tra tutti, quello del CEO di Fox News Media Suzanne Scott. "Sasha aveva solo 24 anni -spiega Scott al suo staff- era incredibilmente talentuosa e ha trascorso settimane a lavorare con la nostra squadra in Ucraina, 24 ore su 24, per assicurarsi che il mondo sapesse cosa stava succedendo nel suo paese". Tra i ricordi dei colleghi e i messaggi di cordoglio, emergono anche le numerose passioni che formavano l'animo sensibile e attento di questa giovane ragazza "appassionata della vita", così come l'hanno definita gli amici e i genitori. Prima della guerra, come riferito dalla Cnn, Sasha "conduceva una vita vivace, immersa nella comunità creativa della capitale ucraina" e lavorava a diversi progetti. Era un'appassionata di musica e aveva creato il Fusion, un gruppo comunitario che sostiene musicisti jazz. "Faceva tutto al massimo -ha detto Akim Karpach, un ventiquattrenne che ha collaborato con lei al progetto- era immersa al 100% in ogni amicizia, lavoro o hobby. Non era mai indifferente. Amava ogni giorno della sua vita ed era sempre felice quando la incontravo".

La ragazza lavorava anche come assistente personale alla Limelite, una casa di produzione di Kiev che realizza pubblicità e video musicali per artisti e marchi di tutto il mondo, ma non solo. Conservava il sogno di diventare una dj, oltre a quello di fare film in formati moderni. Per questo motivo aveva studiato sia fotografia che scrittura di sceneggiatura. Il padre ha inoltre raccontato che in casa aveva almeno cinque telecamere, scriveva poesie, spesso faceva ridere le persone e faceva cose "fuori dagli schemi". Ancora, Sasha amava anche i fiori, oltre che la sua famiglia. I colleghi hanno ricordato come con lei fosse semplice parlare di qualsiasi cosa, come se nell'animo fosse molto più matura dei suoi 24 anni. Riusciva a confrontarsi con persone molto più grandi, senza far sentire il peso della sua giovane età.

Lo ha confermato anche il padre, definendola ''ferocemente intelligente'', tanto che avrebbe imparato a leggere già all'età di tre anni e avrebbe imparato l'inglese dai menù dei ristoranti quando andava in vacanza con la famiglia da bambina. Sasha era una persona solidale, impegnata anche nel sociale. Amava aiutare gli altri, come coloro che si sono trovati coinvolti in questa guerra. Ha fondato un'organizzazione con lo scopo di riunire volontari da tutta Kiev per consegnare aiuti umanitari ai cittadini, alle organizzazioni mediche e ai soldati. Uno dei suoi più cari amici, Sviatoslav Yurash, ha conosciuto Sasha dieci anni fa e ha raccontato che la ragazza era gioviale, ma riservata. "Non faceva feste - ha detto Yurash alla Cnn - il suo vero sé era nella poesia". Yurash ha trascorso del tempo con Sasha per l'ultima volta pochi giorni prima che morisse. Erano nell'appartamento di un amico, dove hanno chiacchierato e mangiato il Borscht, una zuppa tradizionale. Il ragazzo racconta che la giovane giornalista è stata in Italia l'estate scorsa e ha poi definito il suo viaggio "un'esperienza da sogno", da cui è tornata molto ispirata. L'Italia, con le sue piccole città, la pizza, il vino, è uno dei posti in cui la ragazza avrebbe desiderato vivere. Per il padre addolorato di Sasha, perdere una figlia in così giovane età lo ha spinto a mandare un messaggio ad altri genitori, un consiglio sul rapporto con i propri figli. "Apprezzate ogni minuto che avete", ha detto. "Dovete vivere per oggi".

Cristina Somma

[2.4.2022 - 08:21]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0