InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

La strategia italiana per fare a meno
del gas russo


"Nell'immediato: riduzione dei consumi nelle case e negli uffici e aumento della produzione di carbone. Nel breve e lungo tempo: più gas da fornitori alternativi alla Russia". Serenella Mattera e Luca Pagni su Repubblica spiegano la strategia che il governo italiano sta adottando per fare a meno del gas di Putin. Una strategia che prevede la collaborazione di tutti i cittadini in quanto si inizierà con la riduzione del consumo di gas nelle abitazioni e nelle città. Saranno imposti infatti una temperatura e un numero di ore massime per l'accensione durante la giornata dei riscaldamenti. Inoltre, saranno attuate limitazioni anche per l'illuminazione pubblica. I giornalisti hanno anche spiegato che un ulteriore provvedimento potrebbe essere "l'aumento della produzione di elettricità grazie a un maggior uso delle centrali a carbone". In Italia le centrali attive sono sei: due in Sardegna, Venezia, Monfalcone, Civitavecchia e Brindisi. Il ritorno al carbone potrebbe coprire 5 miliardi di metri cubi di gas.

Il governo intanto negli ultimi tre mesi ha chiuso accordi per aumentare le forniture di gas via gasdotto anche con nuovi paesi tra cui l'Algeria, la Libia e l'Azerbaijan. Il paese italiano poi si prepara a ricevere gas anche via mare. Stanno arrivando infatti navi dal Qatar, dall'Egitto e da Israele che trasportano Gnl (Gas naturale liquefatto) verso i tre gassificatori presenti a La Spezia, Livorno e Rovigo. Si pensa, inoltre, di aumentare le estrazioni di metano dai giacimenti italiani e di avviare nuove trivellazioni nell'Adriatico. Cercare fonti alternative alla Russia però vuol dire anche pensare al tetto massimo da inserire al prezzo del gas. L'unione europea a riguardo propone di sganciare il prezzo del gas da quello del petrolio. Infine il governo italiano pensa di intervenire ancora sul prezzo della benzina. Entro fine giugno potrebbe essere scontato di altri 30 centesimi. Ulteriori aiuti poi dovrebbero essere attivati per le famiglie.

Maria Chiara Valecce

[17.6.2022 - 14:02]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0