InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

A Napoli

Dal body shaming al catcalling:
mostra fotografica contro gli stereotipi


Offrire una dimensione privata in cui sentirsi a proprio agio. E' l'obiettivo che si cercherà di realizzare attraverso "Angulus" (angolo, ndr), la prima mostra fotografica organizzata dalle giovani studentesse di Prime Minister, una realtà di volontariato, scuola di politica per giovani donne.

Il nome riprende il concetto immaginato dal poeta latino Orazio di Angulus ridet, che si può riassumere come l'angolo di terra, il posto nel mondo che più di ogni altro riesce a rendere felice una persona.

E se per Orazio il posto felice era in capo al mondo, per le ragazze autrici dell'esposizione la location del cuore sarà il complesso monumentale di San Domenico Maggiore, nel centro storico di Napoli, dove sabato 25 giugno dalle 10 alle 13 sarà possibile osservare i vari scatti fotografici della kermesse con ingresso libero a cui hanno collaborato Luigi Aiello e Anna Pezzella di C-Pixel. L'allestimento è stato curato dall'associazione Collettivo Zer0 per questo evento che si inserisce all'interno del Giugno Giovani, un festival di mostre ed eventi fortemente voluto dal sindaco di Napoli Gaetano Manfredi e dall'assessore alla gioventù della città Chiara Marciani. Presentata in occasione dell'ultimo Salone del Libro di Torino, questo tipo di manifestazione deve certamente essere colta come un segnale di riavvicinamento del comune partenopeo alla collettività dei giovani.

Dopo aver dichiarato 'guerra' alla movida con una serie di ordinanze restrittive, l'amministrazione pare essere intenzionata a sfruttare gli eventi organizzati nel periodo estivo per cercare di riallacciare un rapporto che si era inevitabilmente guastato negli ultimi mesi.

Una pace che vuole essere sancita a suon di educazione civica, e la partecipazione di Prime Minister è quanto mai azzeccata. Da sempre infatti la scuola di politica femminile si propone di formare le cittadine del domani e le tematiche affrontate dalla mostra fotografica in programma sabato sono particolarmente attuali e sentite: vanno dal body shaming alla mascolinità tossica, dal catcalling alla disparità di genere e le protagoniste di questi scatti sono tutte rigorosamente donne dai 14 ai 19 anni. Per questo motivo l'esposizione vedrà protagoniste moltissime studentesse provenienti da vari istituti superiori della Campania e sarà una delle ultime tappe del percorso dell'anno di formazione di Prime Minister che vedrà come cerimonia finale la consegna dei diplomi che saranno consegnati dalle istituzioni locali il prossimo 9 luglio. Il coordinamento organizzativo è a cura di Emanuele La Veglia e Sabrina Carnemolla.

"La creatività delle nostre primers si è rivelata decisiva - ha dichiarato Angela Laurenza, ingegnera e cofondatrice di Prime Minister - le ragazze protagoniste degli scatti faranno anche da guida all'interno dell'esposizione creando una connessione forte fra artista e osservatore". Perché nessuno meglio dell'ideatore di una cosa può spiegarne a pieno un significato tutto da scoprire, come le giovani ragazze napoletane che il prossimo sabato metteranno in 'mostra' tutto il proprio talento artistico.

Stefano Neri

[20.6.2022 - 17:50]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0