InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Il terremoto in Afghanistan
può "spodestare" il regime talebano?


Sono circa 1.500 le vittime e 1000 i feriti provocati dal terremoto di magnitudo 6.1 che martedì sera ha colpito la provincia orientale afghana di Paktika, nei distretti di Ziruk, Naka e Gayan. L'epicentro del sisma è stato individuato nei pressi della città di Khost, capoluogo dell'omonima provincia situato circa 150 chilometri a sud-est della capital Kabul. Al momento il regime talebano non sembra in grado di gestire l'emergenza.

Pandemia, siccità e una lunga crisi economica-umanitaria causata delle sanzioni internazionali e dalla pessima gestione da parte dei talebani che hanno preso il potere lo scorso agosto. Il popolo afghano sembra non avere tregua e il terremoto non è altro che l'ennesimo tassello che si aggiunge all'interno di un puzzle davvero complicato.

Un disastro naturale che il regime talebano non riesce a gestire tanto da richiedere aiuti internazionali: in casi come questo l'intervento di altri paesi è motivato dall'emergenza umanitaria e quindi non viola le sanzioni imposte per limitare lo sviluppo economico del Paese.

Ma l'intervento delle organizzazioni umanitarie internazionali in Afghanistan non è stato facile, soprattutto nell'ultimo anno, e il rischio di portare aiuti nel Paese è che risorse e soldi vengano intercettati dal regime.

La preoccupazione principale è che tra le zone più povere e scollegate in Afghanistan figura proprio Paktika. La provincia di Paktika conta circa 380 mila abitanti - con una percentuale di povertà pari al 90% - ed era conosciuta come la principale zona di combattimento prima che i talebani prendessero il potere.

Nelle aree colpite sono intervenute l'ong italiana Emergency e la International Rescue Committee con ambulanze, strutture e personale medico, e la Croce Rossa internazionale con coperte, tende e altri materiali di prima necessità.

Uno dei limiti principali per i soccorsi in questo momento è la mancanza di aerei ed elicotteri per intervenire nelle aree più devastate e difficilmente accessibili, dove potrebbero trovarsi ancora molte delle persone che risultano disperse.

Mattia Ronsisvalle

[23.6.2022 - 16:34]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0