InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

A Napoli

Stop alle mascherine sui mezzi pubblici
Ma i pendolari non sono contenti


Non dormono sogni tranquilli i tanti pendolari che utilizzano i trasporti pubblici nella città di Napoli. Alla vigilia dello stop dell'obbligo della mascherina tanti si dichiarano non contenti dell'abolizione della misura. "Continueremo ad indossare la mascherina a bordo", ripetono i passeggeri di treni, metro e autobus intervistati in città. L'obbligo di indossare i dispositivi di sicurezza sui mezzi pubblici decadrà a partire dal 30 settembre. Niente più mascherina anche per entrare negli ambulatori medici e nelle Rsa. La misura, approvata lo scorso giugno, aveva fatto discutere alla luce della discesa della curva dei contagi pur in presenza delle nuove varianti Omicron oggi dominanti. "La situazione lo permette e c'è molta insofferenza sui mezzi pubblici", commenta il virologo Fabrizio Pregliasco, sottolineando però la necessità di continuare a monitorare con attenzione il quadro epidemiologico.

La prima preoccupazione tra i tanti cittadini napoletani e pendolari che quotidianamente si recano in città è il sovraffollamento di mezzi quali autobus e metro. Ad essere dello stesso avviso sono persone di fasce d'età differenti: anziani previdenti e giovani attenti alla propria salute e a quella dei loro familiari considerati fragili.

Sono poche, invece, le persone che si dichiarano favorevoli all'abolizione della misura e che dal 30 settembre viaggeranno tranquilli e senza mascherine.

Per lo stop dei protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro bisognerà aspettare il 31 ottobre. Nelle scuole, invece, le regole sono già cambiate dall'inizio dell'anno scolastico: niente più mascherine e distanziamento interpersonale, la raccomandazione riguarda solamente i più fragili.

L'ultima restrizione che resta in vigore fino al 31 dicembre è il Green pass obbligatorio per operatori sanitari, ricoverati e visitatori negli ospedali: di fatto, questa misura comporta la necessità di fare il tampone prima di un ricovero o di far visita a ricoverati.

Sembra dunque che la tanto odiata mascherina continuerà a circolare ancora un po', sopravvivendo alla fine delle restrizioni.

Raffaella Grimaldi

[27.9.2022 - 17:13]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0