InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Il ciclone

Poppea mette in ginocchio la Campania
Interventi su tutto il territorio

A Cavalleggeri Aosta, rione partenopeo, l'intervento dei VV.FF. per il crollo di un muro di contenimento di recente costruzione (foto: Stefano Sepe)


Giornata all'insegna di forti raffiche di vento e fenomeni temporaleschi in Campania, dove è attualmente in vigore l'allerta di colore arancione a causa del passaggio di Poppea. Il maltempo, però, si è abbattuto principalmente tra Avellino e Salerno. In Irpinia le raffiche di vento hanno raggiunto i 110 km/h. Numerosi gli allagamenti di strade, garage e cantine. Gli interventi dei vigili del fuoco si sono concentrati sulla rimozione di alberi, rami, tegole e lamiere pericolanti. Stamane si sono registrati grandi momenti di paura nella frazione di Celzi, zona colpita varie volte da fenomeni alluvionali, dove la Protezione Civile ha disposto l'evacuazione delle famiglie residenti in zona con le persone anziane messe in salvo sui gommoni.

Destino analogo nel salernitano, per due famiglie bloccate in casa a Pellezzano dove è esondato il fiume Irno. Ad Agropoli disposta la chiusura del molo, allagamenti e disagi nei comuni dell'Agro Nocerino Sarnese. Massima allerta per il fiume Tanagro, a rischio esondazione. A Mercogliano, nell'Avellinese, in una scuola elementare il vento ha divelto una lamiera di copertura. Fortunatamente nessun bambino è rimasto coinvolto.

Nella città di Napoli si sono registrati danni, in particolar modo legate a rami e alberi caduti, anche se fortunatamente non si registrano gravi feriti. Sulla Tangenziale un albero avrebbe colpito un'auto e una donna sarebbe rimasta coinvolta nell'incidente: lo rende noto il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. A Caivano, invece, un cartellone è letteralmente crollato, anche in questo caso sgomento e paura ma nessun ferito. Sospesi a causa delle raffiche di vento e del mare mosso i collegamenti con Ischia e Procida, fermi anche i tram 1 e 4 per allagamento. Allagata anche via Partenope che si lecca le ferite per i danni della mareggiata.

Per quanto riguarda il trasporto, l'Eav ha predisposto l'impegno di autobus qualora dovessero esserci dei disagi sulla linea ferroviaria. Otto i punti individuati: stazione Pompei, Poggiomarino, Villa Regina, Ottaviano, Nola, Baiano, Sorrento. Massima attenzione per i fiumi Sabato e Calore: sono in piena, ma la situazione attualmente è sotto controllo.

Dario Vito

[22.11.2022 - 16:28]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/22 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0