InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Mondiali di calcio

Germania e Belgio eliminate a sorpresa

Thomas Muller dopo l'eliminazione della Germania(foto Ansa)


Mancano soltanto quattro partite alla chiusura della fase a gironi del Mondiale in Qatar.

Oggi in campo il Portogallo di Cristiano Ronaldo, già sicuro della qualificazione agli ottavi, che affronterà la Corea del Sud.

Stesso discorso per la Seleçao brasiliana che, con il passaggio del turno in cassaforte, affronterà in serata il Camerun. Ghana-Uruguay e Serbia-Svizzera sono le altre partite di giornata.

Sorprendenti invece i verdetti arrivati ieri dai campi.

La favola del Giappone ai mondiali di calcio del Qatar sembra non voler terminare. Dopo l'impresa con la Germania, a cadere contro i nipponici stavolta è toccato alla Spagna di Luis Enrique.

Le prestazioni dei Samurai Blu però non sono affatto casuali.

La nazionale allenata da Moriyasu è piena di calciatori esperti che già da qualche anno giocano ad alti livelli nei maggiori campionati europei. La Bundesliga tedesca è il campionato in cui militano più giapponesi.

La nazionale giapponese si è qualificata prima nel girone di ferro e lunedì affronterà la Croazia, vice campione del mondo a Russia 2018. La Spagna invece affronterà il Marocco di Hakimi e Ziyech che con 7 punti ha dominato il girone F di Belgio e Croazia. Sorpresa in negativo invece proprio per i diavoli rossi che, con tre punti e un solo gol segnato, sono stati definitivamente eliminati dal mondiale. Sacrosante le dimissioni del commissario tecnico Roberto Martinez che ha annunciato di aver disputato l'ultima partita da allenatore del Belgio. Giappone e Marocco sono forse la sorpresa più grande di questo mondiale in Qatar.

Continua la maledizione della Germania. Dopo l'uscita di scena ai mondiali precedenti in Russia e l'eliminazione agli ottavi ad Euro 2020, non riesce a passare la fase a gironi neppure in Qatar.

Per la Mannshaft tedesca che, agli occhi degli appassionati, è sempre stata una corazzata, serve un periodo di rifondazione.

Enrico Esente

[2.12.2022 - 12:10]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/23 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0