InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Napoli città di pace

Riccardi, un "rivoluzionario" al governo

Il ministro Andrea Riccardi


A ogni cambio di governo un sottile frisson percorre l'opinione pubblica. È il brivido della previsione, il "toto-ministri". Ogni governo che si rispetti, puntualmente, nella sua ascesa al Colle, qualche sorpresa la riserva e le pedine che gli editorialisti avevano ordinatamente schierate non vanno mai perfettamente a posto. È accaduto, ovviamente, anche per il governo Monti. In particolare, smentendo più di un pronostico, è uscito dal cilindro un ministero del tutto nuovo. L'idea di un ministero per la Cooperazione Internazionale e l'Integrazione può essere giudicata in molti modi, ma è certo che rompe con parecchi cliché.

Intanto, segna una indubbia e profonda discontinuità con la tradizione politico-istituzionale del nostro Paese, allineandola a quella della gran parte dei paesi OCSE.

In secondo luogo, fondendo insieme l'ambito della cooperazione sui grandi scenari dello sviluppo internazionale e quello, interno, dell'integrazione di quelle "mobilità umane" - per citare Palidda - che entro tali scenari si spostano (o sono costrette a spostarsi...), sollecita una riflessione di segno nuovo sull'interdipendenza dei fenomeni in campo nel mondo contemporaneo.

Una discontinuità ancor più profonda è sembrata tuttavia operare nella scelta a un altro livello. Quello dell'individuazione del candidato: indicato stranamente dai media come "tecnico" per eccellenza in un governo "tecnico", Andrea Riccardi non sembra esserlo affatto. È professore di storia contemporanea, non feluca ministeriale. La sua biografia è trascorsa finora sotto un altro segno, completamente differente.

Riccardi è il protagonista di una piccola rivoluzione - di idee e di posture- specificamente italiana. Nel '68 ha fondato a Roma la Comunità di Sant'Egidio: in piena rivoluzione di idee e di posture, ha costruito un percorso parallelo, contribuendo a innovare radicalmente la visione del mondo e il modo di stare dentro quel mondo di molti cattolici post-conciliari. Unire insieme la cooperazione internazionale e l'integrazione in un unico assetto ministeriale può sembrare una innovazione radicale entro le logiche istituzionali; non lo è, da sempre, in Sant'Egidio, dove l'attenzione al Terzo Mondo e alle sue urgenze si è quotidianamente fusa nel percorrere palmo a palmo quartieri disagiati e stazioni ferroviarie, periferie e campi rom.

E' questa tradizione originalissima e unica di diplomazia popolare e riconoscimento dell'Altro ad aver varcato il portone del ministero. Questa cifra non potrà essere ignorata nella valutazione di quanto accadrà.

È chiaro che invertire quella tendenza che vede l'Italia fanalino di coda tra i Paesi donatori nelle emergenze internazionali non sarà impresa facile né immediata. Tuttavia il cambio di rotta è evidente.

È certo, comunque, che una cultura profondamente estranea alle logiche correnti della politique politiciénne segna già un cambiamento considerevole. Vogliamo credere, per esempio, che sia difficile che la cooperazione internazionale torni a essere oggetto di pura realpolitik, oggetto di contrattazioni negoziali legate a crude valutazioni geo-strategiche o economiche. Difficile che la questione dei migranti torni a essere pura questione di numeri e desiderabilità economiche o, peggio, di malpancismi da paese ricco. Difficile che torni a essere nuda materia da ministero degli Interni.

È una sfida che al nuovo ministro viene direttamente dalla propria biografia. È una sfida che, a tutti noi, viene direttamente dal nostro essere irriducibilmente e irrinunciabilmente "umani".

Lucio d'Alessandro

[1.2.2012 - 17:19]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0