InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

L'anniversario

Gli hashtag #Faber
trend topic su Twitter


11 gennaio 1999. Un giorno molto triste per la musica italiana. A Milano ci lascia Fabrizio De André dopo una lunga battaglia contro il cancro. La sua musica ha toccato molti di noi e, ancora oggi, il ricordo è forte. Il musicista e compositore Nicola Piovani ha detto di lui: «De André non è stato mai di moda. E infatti la moda, effimera per definizione, passa. Le canzoni di Fabrizio restano».

La vita di Faber è stata ricca e avvincente, non si contano le canzoni di grande successo. Dalla prima, La ballata di Michè del 1960, alle raccolte Anime Salve e Non al denaro non all'amore né al cielo. Una carriera davvero lunga e le sue canzoni, negli anni, sono state riarrangiate da grandi interpreti della musica italiana: da Mina a Luigi Tenco a Franco Battiato.

L'amore, la solitudine, i problemi sociali e la gioventù sono solo alcune delle tematiche che Faber cantava nei suoi pezzi. Di amore nella vita di De André ce n'è stato tanto, un amore viscerale per la musica e le poesie, un altro per la sua Genova e, poi, anche per la Sardegna, dove si era trasferito. Un amore profondo anche per i suoi cari, la moglie Dori Ghezzi, i figli e quel rapporto complicato con il padre. E c'è chi dice che i suoi versi oggi, dopo tutti questi anni, siano più attuali che mai.

Già da questa mattina gli utenti del web hanno omaggiato il cantautore. Gli hashtag #Faber e #Fabriziodeandrè sono in trend topic su Twitter. Molti anche i giovani e giovanissimi che hanno conosciuto la sua musica tardi, ma che poi non hanno più abbandonato. E sono anche i giovani che esprimono il proprio rammarico per non aver potuto godere della voce di Faber dal vivo: "Il grande rimpianto è quello di non aver mai potuto godere della sua voce e della sua essenza dal vivo" scrive Giuseppe.

In tutta Italia gli eventi per omaggiare Fabrizio sono numerosi, da Roma a Napoli a Genova. Concerti, incontri, dibattiti, spettacoli teatrali, in molti, a loro modo, vogliono ricordare il "proprio Faber", quello personale, chiuso nei ricordi di ognuno di noi.

Bianca Damato

[11.1.2019 - 11:29]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0