InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Sequestro a Napoli

Aria al posto della benzina
in due stazioni di servizio


Gli automobilisti di Via Marina, più che benzina, nel loro serbatoio inserivano aria. Non è una nuova trovata ecologica, ma una astuta truffa di due stazioni di servizio napoletane.

Il primo benzinaio, a Via Marina, aveva realizzato un ingegnoso sistema wireless per "pompare" i prezzi: durante il rifornimento era sistematicamente attivato un dispositivo per aumentare il conto dei litri versati nel serbatoio, gonfiando il prezzo in modo esagerato.

Ad ogni rifornimento, infatti, l'operatore metteva una mano in tasca per attivare un telecomando collegato a un dispositivo che bloccava l'erogazione del carburante nel serbatoio, facendo comunque aumentare il contatore del prezzo che, anzi, saliva ancora più velocemente.

Una volta scoperto, il gestore della stazione di servizio ha provato a nascondere il telecomando, ma è stato comunque bloccato dai finanzieri.

Il secondo distributore non è stato meno geniale nel concepire la truffa: vicino alla colonnina di rifornimento c'era una piccola leva che, all'occasione, veniva attivata per bloccare l'erogazione di benzina dalla pompa, versando aria nel serbatoio.

Sarebbe stato difficile riuscire a giustificare i quantitativi anomali di carburante venduto, dato che ogni colonnina possiede un contatore complessivo della benzina versata, per questo motivo i proprietari del distributore avevano anche manomesso il dispositivo di conteggio, in modo tale da poter manipolare i totalizzatori del prodotto erogato. Anche la contabilità così era salva, con registri apparentemente regolari.

E non è tutto: sono in corso verifiche in laboratorio sulla qualità della benzina perché, secondo gli inquirenti, oltre ad aver venduto aria mista a benzina, quel poco di carburante versato nelle auto e negli scooter potrebbe anche essere annacquato.

Federico Norberto Quagliuolo

[6.2.2019 - 13:05]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0