InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

"Recognise it!"

Una conferenza per scoprire
gli Youth Worker


Operatori sociali, preti di periferia, giovani impegnati in associazioni culturali e di rivalutazione del territorio. Questo è l'identikit di alcuni fra i tantissimi tipi di "youth worker", figura professionale ben conosciuta in Europa, ma che in Italia non gode di un inquadramento giuridico. Il loro numero stimato è di circa 2 milioni in tutto il continente e sono tutti giovani dai 18 ai 35 anni.

Se n'è parlato nella Stazione Marittima di Napoli nell'ambito di una conferenza organizzata dall'Agenzia Nazionale per i Giovani, presieduta dal napoletano Domenico De Maio. Hanno partecipato anche Giorgio Guazzugli Marini, della Direzione Generale Istruzione e Cultura della Commissione Europea; Valeria Vaccaro, del Dipartimento per il Servizio Civile Universale e Alessandra Clemente, assessore delle politiche giovanili al Comune di Napoli.

L'evento, inquadrato all'interno della conferenza internazionale "Recognise it!" ("Riconosciamolo!" in italiano, ndr), nasce proprio per creare un dibattito culturale in Italia sulla figura di chi è chiamato anche "animatore socio-educativo". Sono youth worker tutte le persone che, operando a contatto con i ragazzi, cercano di sviluppare e indirizzare la loro crescita cercando di esaltare le loro tendenze artistiche, culturali e tecniche. Si tratta quindi di un gruppo eterogeneo di persone che, nell'ambito delle loro attività, cercano di esaltare le potenzialità dei giovani, come ad esempio chi si occupa di incontri culturali o chi gestisce seminari di informatica per ragazzi in zone affette dal digital divide.

Hanno partecipato più di 100 persone provenienti da ogni parte d'Europa, tutte coinvolte nel programma Erasmus a Napoli e, nello specifico, attive in associazioni che si occupano di youth work nei propri paesi di origine. Il convegno si è svolto per metà in lingua italiana e per metà in lingua inglese, proprio per renderlo comprensibile a tutti i presenti, che sono poi intervenuti con le loro osservazioni.

Il direttore De Maio, che fra le sue competenze ha anche il coordinamento del programma Erasmus+, è estremamente attento alle problematiche di Napoli ed è proprio per questa ragione che ha scelto il capoluogo partenopeo come città in cui presentare la prima conferenza sul tema. "Napoli è ricchissima di associazioni attente allo sviluppo e alla crescita del territorio. C'è un fermento di giovani che va riconosciuto e sostenuto attivamente dalle istituzioni. Bisogna sempre chiedersi in che modo migliorare e diffondere i valori positivi espressi dai giovani. Questa sarà infatti solo la prima di tantissime attività che organizzeremo sul territorio".

L'assessore Clemente ha aggiunto che "Napoli è demograficamente la città più giovane d'Italia" e, ad oggi, "fra le più all'avanguardia nelle politiche giovanili, che cominciarono negli anni '80".

Guazzugli Marini ha invece sottolineato come la Commissione Europea stia ponendo in essere un numero sempre maggiore di attività per favorire lo scambio culturale fra giovani, in modo da creare una "contaminazione" fra le abitudini e gli istituti giuridici dei vari popoli europei. Il fatto che la figura dello youth worker sia diventato un argomento di attualità anche in Italia è la dimostrazione che l'Unione Europea sta lasciando una impronta positiva. Oltretutto l'Unione Europea ha "riconosciuto l'importanza dello Youth Work già nel 2014".

Nell'ambito del convegno è stato infine sponsorizzato anche il bando di "Fermenti", una iniziativa dell'Agenzia che ha stanziato 16 milioni di euro destinati a finanziare attività imprenditoriali giovanili. Le attività dell'Agenzia Giovani proseguono con la visita del direttore De Maio al carcere minorile di Nisida.

Federico Norberto Quagliuolo

[17.4.2019 - 09:23]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0