InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Challenge Samara

Da Napoli a Caltanisetta
Fenomeno esteso al Sud


Capelli lunghi neri a coprire il volto, la pelle diafana, una tunica bianca e il fenomeno virale dell'estate è servito. Avvistata in diverse città della penisola, da nord a sud, Samara Morgan è saltata fuori dalla pellicola di "The Ring" e si è trasferita per le strade italiane. Protagonista del film horror di Gore Verbinski, uscito nel 2002 cui poi hanno fatto seguito due sequel, è dotata di insoliti poteri paranormali tra cui quello di trasmettere con la mente immagini allucinanti a persone e a imprimerle sulle pellicole.

A distanza di diciassette anni, la terrificante ragazzina compare all'improvviso in carne e ossa e solitamente col favore delle tenebre. Obiettivo: spaventare i passanti, possibilmente a favore di smartphone perché il video poi spopoli in rete. Gli avvistamenti si moltiplicano, giorno dopo giorno, tanto che il fenomeno si sta trasformando in una vera e propria challenge. Una sfida all'apparizione più terrificante che ha già causato qualche incidente. A Niscemi, in provincia di Caltanissetta, a una trentenne vestire i panni della ragazzina di The ring è costato una denuncia per procurato allarme. Stessa sorte per una sua "collega" pugliese a Lesina in provincia di Foggia, che ha fatto travestire la figlia minorenne per seminare il panico tra i concittadini che hanno reagito inseguendola armati di spranghe di ferro.

Diverse le apparizioni anche nel Napoletano, dove pare che tutto abbia avuto inizio, da Gragnano a Pianura e San Giuseppe Vesuviano. A Torre del Greco, Samara si è palesata con un coltello tra le mani creando ancora più panico. Challenge rischiosa anche ad Afragola dove la giovanissima ragazzina demoniaca ha rischiato il pestaggio.

Non l'ha fermata lo stretto ed è sbarcata anche Sicilia e in Sardegna. Vengono da Roma, precisamente da Monti Tiburtini, invece, le immagini di una Samara tra due cassonetti in fiamme in un'area giochi pronta a darsi alla fuga, rincorsa da alcuni passanti, a bordo di una Smart blu. Sempre nella capitale la fanciulla vestita di bianco è tornata a casa dopo un violento calcio in faccia ricevuto dai passanti.

C'è chi parla di bravata e chi di sfida, di certo c'è che il fenomeno si sta estendendo a macchia d'olio in tantissime regioni soprattutto del meridione. Il copione è sempre lo stesso: apparire all'improvviso, spaventare quante più persone possibili seminando scompiglio e panico e darsi alla fuga possibilmente evitando di essere picchiati o fermati dalle forze dell'ordine. La psicosi ormai è in atto e non si escludono reazioni esasperate.

Valentina Ersilia Matrascia

[6.9.2019 - 08:20]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0