InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Sinkevicius

Il 28enne commissario Ue lancia la sfida
del "green deal" per l'ambiente


È il più giovane tra i nuovi commissari Ue. Un passato da giornalista e uno sguardo proiettato costantemente verso il futuro.

Si tratta del lituano Virginijus Sinkevicius, commissario all'Ambiente e agli Oceani, scelto dalla presidentessa Ursula von der Leyen come membro della squadra. Nel paese baltico è ministro dell'economia e dell'innovazione, nonché membro del Seimas, il parlamento lituano, che lo ha indicato come nome giusto per Bruxelles.

Leader della Farmers & Green Union, un partito verde di centro-destra, dovrà prepararsi ad affrontare le grandi sfide del momento: l'emergenza climatica e il surriscaldamento globale. La von der Leyen è stata chiara: "Voglio che il green deal diventi il marchio di fabbrica dell'Europa".

Un piano che renda l'Europa il primo continente "climate neutral" del pianeta, ossia con emissioni zero.

Fino ad ora la storia di Sinkevicius è stata costellata di successi, dal Partnership Leader Award 2018 per aver sostenuto lo sviluppo dell'ecosistema startup in Lituania al riconoscimento di Apolitical, il sito che l'anno scorso lo ha inserito tra i 100 leader under 35 più influenti al mondo.

Il commissario che a novembre spegnerà 29 candeline, da nativo digitale ha sempre creduto nell'importanza di puntare su sviluppo e innovazione, aggiudicandosi anche gli "#Switch! Tech Awards" nel 2018.

Sembra avere tutte le carte in regola per smuovere le acque. Ora, resta solo da capire se riuscirà a diventare più popolare della piccola Greta.

Titti Pentangelo

[13.9.2019 - 11:33]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0