InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Helena Dalli

La paladina Ue per i diritti umani
a difesa di donne e comunità LGBT


"Non c'è nessun orgoglio nella violenza domestica". Una frase chiara e concisa a cui fa da sfondo un cuore colorato. La maltese Helena Dalli, appena nominata Commissario Europeo all'Uguaglianza, nella sua immagine Facebook ha incluso il rosso e il verde, l'arancio e il blu. Il suo è un messaggio semplice: nessuno deve essere escluso.

E la sua vita politica l'ha costruita proprio su questa esigenza, veicolando l'idea social anche per strada e nelle istituzioni.

Dal 2013 al 2017 come Ministra del dialogo sociale, degli affari dei consumatori e delle libertà civili, ha condotto varie battaglie a sostegno della parità di genere e contro la violenza domestica. Ha approvato la prima legge al mondo che protegge i diritti delle persone intersessuali, rendendo Malta il paese che offre la migliore protezione legale per le persone LGBT.

Sempre attenta ai diritti delle donne e delle fasce più deboli, è diventata la paladina delle protezioni antidiscriminatorie per identità di genere e orientamento sessuale.

Nel 2016 ha vinto l'European Diversity Award per il suo lavoro sui diritti umani e l'uguaglianza. Quest'anno ha ricevuto il premio Diversa Internacional in riconoscimento del suo lavoro per l'uguaglianza sia sul fronte nazionale che su quello internazionale.

Una serie di riconoscimenti che l'hanno resa uno dei candidati più papabili per occuparsi di diritti umani in Europa. E, verrebbe da aggiungere, a buon diritto.

Titti Pentangelo

[13.9.2019 - 13:11]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0