InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Joker

Il film dell'anno
sbanca il botteghino


Joker si aggiudica a mani basse il titolo di film dell'anno. La pellicola che ha incantato Venezia e sbancato i botteghini, è, effettivamente, una delle proposte cinematografiche più interessanti del 2019.

Gli elementi ci sono tutti: la storia "segreta" di uno dei personaggi più iconici del mondo non solo dei fumetti, un'interpretazione convincente e avvincente, tutto questo costituisce le basi per un successo già annunciato.

Ma cosa racconta, in realtà, l'opera di Todd Philips?

La storia è ambientata nel 1981 a Gotham City, che diventerà, in futuro, la patria di Batman e degli scontri fra il super eroe e il clown matto. L'anno di ambientazione è deducibile da un film che compare sullo sfondo: Zorro, the gay Blade. In un panorama degradato, all'inizio, l'unica nota d'allegria sembra essere quella portata dal clown Arthur Fleck, un sociopatico che sogna di diventare comico. La sua ironia, però, non fa ridere e per questo viene messo da parte, rifugiandosi in un mondo in cui, realtà e allucinazioni si fondano fino a diventare indistinguibili.

Joker è un ultimo, magro e sfortunato, con una famiglia difficile che vive in un contesto squallido. Una solitudine che lo porta a suscitare la pena degli spettatori, ma, allo stesso modo, a temerne la follia. Arthur/Joker, infatti, si muove sul doppio binario di aggredito che aggredisce, accompagnando i suoi gesti a movimenti che assomigliano a balli, alternati a una risata sforzata e inquietante che ne mettono in evidenza le psicosi.

L'unica cosa in cui questo personaggio sembra essere a suo agio è il caos che egli stesso riesce a creare e a fomentare. Un caos grigio in cui spiccano il bianco del trucco che il protagonista porta in faccia e i colori sgargianti dei suoi abiti. Joker è una favola triste e inquietante, la preparazione a una distruzione totale che ancora ha da venire. E proprio sul seguito si sta già discutendo: se fino a pochi giorni fa l'attore Joaquin Phoenix escludeva ogni possibilità di continuare la storia, ora, questa possibilità sembra più vicina. E, nello stesso tempo, anche l'Oscar si fa sempre più concreto.

Elvira Iadanza

[9.10.2019 - 17:35]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0