InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Galleria Borbonica

"Noi vivi", in scena le Quattro Giornate
di Napoli


Le Quattro Giornate di Napoli rivivono all'interno della Galleria Borbonica con lo spettacolo itinerante "Noi vivi" di Febo Quercia e Antimo Casertano.

Sabato 12 ottobre, alle 19 e alle 20.45 l'antico tunnel napoletano rievocherà l'atmosfera della Napoli della Seconda Guerra Mondiale per ripercorrere, attraverso il testo scritto proprio da Febo Quercia, i combattimenti che iniziarono il 27 settembre del 1943 e durarono fino al 30. La rivolta popolare valse all'intera città la medaglia d'oro al valore militare. Grazie a questo gesto eroico dei cittadini, inoltre, gli alleati, che arrivarono in città il primo ottobre, trovarono una città già liberata dal tedeschi. L'evento, organizzato da NarteA, l'associazione che si prodiga per la scoperta di tutto il territorio napoletano, racconta dei 18mila guerriglieri che costrinsero i tedeschi alla resa. Lo spettacolo, ambientato in antichi rifugi antiaerei racconta il dramma dell'intera città e della lotta che portò a una vera e propria sollevazione popolare.

Oltre alla messa in scena avvolgente degli attori, a contribuire a creare l'atmosfera ci saranno anche sirene e altri effetti sonori, che inganneranno lo spettatore trasportandolo direttamente in un periodo storico di cui si è parsa quasi la memoria. Ma, il vero protagonista della serata sarà proprio l'antica Galleria Borbonica. A guidare gli spettatori con il loro racconto gli attori Antonio Agerola, Antimo Casertano, Sergio Del Prete, Roberta Frascati, Daniela Ioia, Pietro Juliano, Katia Tannoia.

Elvira Iadanza

[10.10.2019 - 16:24]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0