InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Weekend FAI

Porte aperte ai visitatori
in 4 siti storici napoletani


Il FAI apre le porte di 4 siti storici napoletani per il prossimo weekend del 12 e 13 ottobre.

Nelle mattinate di sabato e domenica sarà possibile sentirsi come Ferdinando II fra i corridoi della Reggia di Portici, guardando ciò che rimane dell'antica biblioteca borbonica e visitando la Sala Cinese con i suoi affreschi orientali, una singolare espressione del fascino che esercitava l'Oriente sulla monarchia napoletana di fine '700.

Un'attrazione non meno affascinante sarà l'Infinito di Leopardi da ascoltare al tramonto nel Parco Vergiliano a Piedigrotta, davanti alla tomba del poeta, proprio nel bicentenario dalla sua scrittura.

Senza dimenticare i panorami e gli odori del Lago d'Averno, il bacino d'acqua che i Romani pensavano fosse la porta dell'Inferno, e della Baia di Ieranto a Massa Lubrense, in cui Ulisse volle vedere le sirene. Queste località saranno aperte straordinariamente fino al tramonto.

Ad accompagnare i visitatori ci saranno i ragazzi "apprendisti ciceroni": è una iniziativa alla quale partecipano gran parte dei licei napoletani, con lo scopo di avvicinare i giovani alla riscoperta del territorio e della storia locale.

Il prezzo, poi, sarà una donazione simbolica di 3 euro per ingresso (5 per la Baia di Ieranto), ma sarà prevista la possibilità di effettuare donazioni spontanee per qualsiasi cifra.

I fondi raccolti in questo weekend -spiega il FAI in una nota sul suo sito web- saranno utilizzati per la manutenzione ordinaria e straordinaria di tutto il patrimonio artistico e culturale gestito dalla fondazione.

Nel frattempo, mentre Napoli riscopre i suoi monumenti, la città si interroga sul futuro delle sue attività storiche.

Guida a Port'Alba, una delle librerie più antiche del Centro Storico, è stata venduta per 1 milione di euro all'asta fallimentare. Nessuna paura però per chi teme che al suo posto possa sorgere un fast food: il Ministero dei Beni Culturali ha imposto sul locale un vincolo di destinazione che consentirà esclusivamente la rinascita di una nuova libreria.

Federico Norberto Quagliuolo

[11.10.2019 - 12:37]



Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0