InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Un'altra rapina

Tabaccaio ferito a Roma,
la solidarietà dei commercianti


Tutti I negozi di Via Ciamarra, in zona Cinecittà a Roma, hanno esposto un cartello sulla propria vetrina con su scritto "Sei grande Zhou": si riferiscono al titolare del Caffé Europeo, che ieri sera è stato gravemente ferito durante un tentativo di rapina finito in sparatoria.

Sull'accaduto è intervenuto anche Giovanni Risso, presidente della Federazione Tabaccai, spiegando che "abbiamo bisogno di vigilanza di quartiere e più controlli. Da tempo stiamo segnalando la quantità di violenze in aumento nei confronti dei gestori delle tabaccherie".

Ma il problema delle rapine non si limita solamente ai piccoli rivenditori. L'intero quartiere è da tempo bersagliato da bande di ladri: il titolare del supermercato che si trova di fronte al Caffè Europeo, intervistato da Repubblica, ha spiegato che è stato visitato dai ladri ben 20 volte nell'ultimo anno.

Nel frattempo, Zhou è ancora ricoverato al Policlinico Umberto I con prognosi riservata, ma non è in pericolo di vita. Le sue condizioni di salute rimangono però gravi: è stato ferito con un proiettile alla gamba e uno all'addome durante la colluttazione con due rapinatori.

La dinamica dell'evento rimane poco chiara: intorno alle 19 si sarebbero presentati Ennio Proietti e Enrico Antonelli, di 69 e 58 anni, per portare via l'incasso della giornata.

Di lì è nata una colluttazione in cui sono partiti alcuni colpi di arma da fuoco. Il titolare è rimasto ferito, mentre Proietti è stato colpito a morte, chiudendo con una rapina finita tragicamente la sua lunga carriera nella malavita: la prima volta in cui il nome di Propietti è comparso nei registri delle forze dell'ordine era il 1975, quando faceva parte dei Pesciaroli, un gruppo malavitoso affiliato alla Banda della Magliana. Poi, una storia di rapine, sequestri e piccoli furti, con tanto di sentenza di condanna a 30 anni di carcere. A completare il curriculum criminale, l'omicidio di Palombini, il re del caffè.

L'altro rapinatore, Antonelli, è stato invece bloccato da un poliziotto fuori servizio che si trovava casualmente nel locale ed è stato assicurato alla giustizia.

La polizia scientifica ha anche trovato il motorino acceso con cui i due rapinatori avrebbero tentato la fuga dopo il furto. Adesso Antonelli è in attesa della convalida di arresto e dovrà rispondere per omicidio e tentata rapina.

Federico Norberto Quagliuolo

[6.11.2019 - 17:36]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0