InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

L'NBA ha un nuovo Re

Luka is for real. Doncic batte Lebron


Si chiama Luka, è slavo, ed è il migliore in quello che fa. No, non è il croato Luka Modric, che questa sera abdicherà il trono del Pallone D'Oro in favore - probabilmente - di Leo Messi, ma è Luka Doncic, 20enne sloveno, nuova stella dell'NBA in forze ai Dallas Mavericks.

Arrivato da Madrid due anni fa, dopo una prima stagione da Rookie brillante ma non troppo, la guardia/ala piccola, è diventato non solo il miglior Sophomore ma - probabilmente - il miglior giocatore della Lega.

Luka, da quando è ai Mavs, viaggia con una media totale di 23 punti a partita. Da inizio stagione, però, questa media è "leggermente" salita. Il campioncino di Ljubljana ha chiuso il mese di novembre con una tripla doppia con più di 30 punti di media, il terzo giocatore NBA All-Time a farlo, dopo due "tizi qualsiasi": Oscar Robertson (8 volte in 14 anni) e Russel Westbrook (2 volte 12 stagioni). 32,4 punti, 10,4 assist e 10,3 rimbalzi a partita, a 20 anni.

Grazie a Doncic e ai compagni (su tutti Dwight Powell, Delon Wright, Porzingis e Jackson), Dallas si trova al quarto posto nella Western Conference e non nasconde delle impensabili velleità di indossare l'anello NBA.

Che Luka sia il predestinato è cosa ormai assodata, a dimostrarlo le parole di King Lebron James, che, dopo il loro primo incontro, lo aveva salutato con un "You're a bad motherfu**er", la sua personalissima investitura. Ieri sera, invece, Luka e Lebron hanno mandato in scena, allo Staples Center di L.A., una sorta di rito di passaggio.

Nell'ultimo quarto, nel momento decisivo della partita, il "piccolo" 77 dei Mavs, solo 2 metri e 01, ha dato ancora una volta prova del suo talento con una tripla in step-back in faccia al 23, che ha portato il punteggio sul 110 a 89 chiudendo in anticipo la partita (finita poi 110-114 per Dallas).

Il 77 verde-blu batte il 23 giallo-viola (rispettivamente con 33-10-9 contro 25-8-9).

Il Re (non) è (ancora) morto, evviva il (prossimo) Re, Luka is for real.

Francesco Gucci

[2.12.2019 - 17:22]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0