InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Verso il Natale

A Roma è tornato
l'albero "Spelacchio"


Natale è tempo di tornare a casa, anche per Spelacchio. Il noto albero di Natale capitolino è tornato al suo posto nel centro di Piazza Venezia, pronto per essere addobbato. Ad annunciarlo, con un tweet, la sindaca Virginia Raggi: «Spelacchio is back! L'albero di Natale di Roma, il più famoso del mondo, è tornato! Vi aspetto l'8 dicembre a Roma per accendere le luci! Non solo: ci saranno tante fantastiche sorprese per i più piccoli».

Abete naturale di tipo Abies Nordmanniana di oltre 22 metri di altezza e 12 tonnellate di peso, Spelacchio è partito nei giorni scorsi da Cittiglio, località nei pressi di Varese alla volta della sua tradizionale postazione di fronte all'Altare della Patria. L'albero, che verrà decorato con 80 mila luci led a basso consumo energetico e 1.000 addobbi tra sfere e cristalli di neve principalmente di colore rosso e oro con un tocco d'argento, deve questo nome all'albero che salì agli onori della cronaca nel dicembre 2017 a causa delle sue fronde rade e spoglie, apparendo spelacchiato e sofferente. L'abete, prima di essere dichiarato ufficialmente 'morto', divenne una vera e propria star anche sui social, meta di pellegrinaggi per i selfie e personificazione dei più sfortunati. Ai suoi successori lasciò in eredità il nomignolo oramai entrato nel cuore di romani e turisti.

L'albero resterà acceso fino al giorno dell'Epifania per 24 ore al giorno. In cima svetta un puntale di 1,5 metri a forma di stella cometa. Sponsor anche per quest'anno è Netflix che, oltre a coprire le spese di trasporto e allestimento, darà a grandi e piccini l'opportunità di incontrare, sotto i rami di Spelacchio, Klaus e Jesper, i due protagonisti del film di animazione "Klaus". Attraverso un ufficio postale interattivo a misura di bambino, sarà possibile affidare a Spelacchio le proprie letterine con i propri desiderata per Natale. E allora, non resta che dire.. bentornato a casa, Spelacchio!

Valentina Ersilia Matrascia

[3.12.2019 - 08:16]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/19 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.1 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0