InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

La pandemia non ferma
le liti tra i reali


In un periodo così difficile per il mondo, segnato dalla pandemia di coronavirus, i reali litigano tra di loro. Lo riporta oggi La Repubblica, con una pagina dedicata a due storie. La prima, di Alessandro Oppes, riguarda la rottura tra il re di Spagna Felipe VI e il padre Juan Carlos, la seconda, a cura del corrispondente da Londra Antonello Guerrera, riguarda la lite tra William e Harry.

Partiamo dalla Spagna. Il re Felipe di Borbone ha deciso di rinnegare il padre per salvare la già traballante monarchia spagnola. Felipe rinuncia dunque all'eredità del re emerito e lo priva dell'appannaggio annuale di 194mila euro, a carico dello Stato. Una conseguenza inevitabile dopo lo scandalo esploso dieci giorni fa, in seguito alle rivelazioni di un giornale svizzero. La procura di Zurigo starebbe indagando su una commissione di 100mila euro pagata nel 2012 a Juan Carlos, al tempo sovrano di Spagna, dal re dell'Arabia Saudita, per la costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocità da La Mecca a Medina. Un'opera da 65 miliardi di euro assegnata alle imprese spagnole che sbaragliarono la concorrenza. Da quella somma di 100mila euro Juan Carlos avrebbe dirottato 65 milioni per donarli alla sua "amica intima" - così la definisce la stampa spagnola - Corinna Wittgenstein. In Parlamento diverse forze politiche hanno subito richiesto una commissione d'inchiesta, proposta prontamente respinta dai partiti di destra. Ma a intervenire ci ha pensato l'attuale re, anche perché su di lui è stato scagliato un nuovo attacco dal quotidiano inglese The Telegraph. Secondo il giornale Felipe appare come il secondo beneficiario della società che ricevette la donazione del re d'Arabia nel 2012. Il re aveva comunque già dichiarato di non aver mai dato il consenso a partecipare "in investimenti non in piena consonanza ai criteri di legalità e trasparenza a cui si ispira la sua attività istituzionale e privata". Quindi già una presa di posizione dal padre. In aggiunta non bisogna dimenticare che l'ascesa di Felipe al trono, nel 2014, fu dovuta alle forti pressioni sul padre affinché abdicasse, in seguito ad altri scandali.

L'altro racconto di litigi reali ci porta nel Regno Unito, Paese al momento molto chiacchierato per il suo approccio nei confronti dell'epidemia di coronavirus. Eppure sulla stampa a tenere banco sono ancora le liti, o meglio presunte liti, tra i figli di Carlo, William e Harry. Domenica il Mail on Sunday riportava una lunga ricostruzione delle frizioni tra i due fratelli della famiglia Windsor. Secondo il giornale inglese William sarebbe arrabbiato con il fratello in seguito alla decisione di quest'ultimo di trasferirsi in Canada con la moglie Meghan e poi perché Harry avrebbe spesso mancato di rispetto alla famiglia, soprattutto alla Regina. Harry, a sua volta, sarebbe infuriato per l'atteggiamento che il fratello ha avuto nei confronti di Meghan, comportamento definito "arrogante e a tratti cafone". Ciliegina sulla torta il fatto che la famiglia ha sempre messo in primo piano William, ad esempio quando Elisabetta, in occasione del discorso di fine anno, aveva mostrato le foto di figli e nipoti, escludendo proprio Harry e consorte. Come se non bastasse anche il rapporto tra le mogli non era roseo: dice il Mail che ci sarebbe stata una lite furiosa tra Meghan e Kate, portando quest'ultima alle lacrime, portando Harry e la moglie alla decisione di lasciare Kensington Palace all'inizio, il Regno Unito poi.

Bianca Damato

[16.3.2020 - 18:13]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0