InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

L'edicolante

Mario: "I giornali antidoto alla noia"
Ma il pomeriggio non c'è nessuno in giro


Una delle categorie dalle sorti più schizofreniche durante l'emergenza sanitaria CoVid-19 è certamente quella degli edicolanti. In un periodo in cui la gente è costretta a rimanere a casa per salvaguardare la propria salute e quella degli altri, certamente non è facile avere un buon numero di clienti per nessuna attività commerciale; eppure le edicole, che rappresentano un settore purtroppo già da tempo in crisi, stanno vivendo incredibilmente un buon periodo.

"In realtà - spiega Mario, proprietario di un'edicola nel centro storico di Matera - dipende un po' dalle giornate. Ci sono giorni, principalmente ad inizio settimana, in cui passa molta gente, le vendite dei giornali classici sono stabili, in aumento, però, sono quelle di riviste e fumetti".

Forse il dover restare a casa con un po' di tempo libero in più, sta stimolando la gente a leggere ed informarsi di più. Si vendono più magazine specializzati, motori, videogames, cucina, tantissimi settimanali di enigmistica, e anche molti albi a fumetti, specie quelli non serializzati.

Probabilmente, senza nulla togliere alla qualità dell'offerta editoriale, il motivo di tanta affluenza, sta anche nel fatto che passare in edicola è anche un modo per essere autorizzati ad uscire qualche minuto dalla prigione domestica. Sta di fatto, comunque, che l'emergenza, per ora, sta risparmiando almeno le edicole dalla crisi generale.

"Di pomeriggio - continua il proprietario - molti colleghi chiudono perché davvero non gira nessuno per strada. Non possiamo lamentarci però. Quasi tutte le altre attività, escluse quelle alimentari, sono chiuse. Il decreto del presidente del Consiglio, almeno, ci ha permesso di rimanere aperti".

Armato di mascherina e guanti, allora, anche l'edicolante del chioschetto nel centro storico, combatte la sua "battaglia" al coronavirus. Una battaglia più alla noia che sanitaria, ma almeno altrettanto utile.

Francesco Gucci

[19.3.2020 - 18:32]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0