InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Coronavirus

Varadkar torna in corsia in Irlanda
Il premier coprirà un turno a settimana


La mattina in Parlamento, il pomeriggio in corsia. Il lunedì alla guida del governo di Dublino, il venerdì in trincea nei reparti Covid-19. Il premier irlandese Leo Varadkar ha deciso di tornare a esercitare la professione di medico e di combattere il coronavirus nelle corsie degli ospedali della capitale, a corto di personale e di attrezzature anti-pandemia. E ha motivato la sua scelta così: «Si tratta di un gesto in supporto di tutti coloro che lavorano nel nostro sistema sanitario e che stanno combattendo contro il virus. In questo modo capirò come si sta comportando il Paese e quali sfide ci troveremo ad affrontare a breve. Pubblicherò brevi report sulla mia attività, non aspettatevi foto sui social».

IL CASO

Ex camice bianco per sette anni prima di entrare in politica, il leader del partito di centro-destra Fine Gael coprirà un turno di servizio a settimana. Nello specifico, effettuerà valutazioni al telefono di potenziali pazienti affetti da Covid-19. Un'attività essenziale nell'ambito degli screening preliminari che permettono di stabilire chi necessita del ricovero in ospedale e chi, invece, può continuare la terapia in isolamento domiciliare. «Il premier - riferisce un portavoce del suo ufficio stampa - si era nuovamente iscritto a marzo nel registro dei medici irlandesi e ha offerto i suoi servizi all'HSE (Health Service Executive) in aree che rientrano nel suo campo di specializzazione».

Nonostante fosse reduce dalla sconfitta nelle elezioni di febbraio e nonostante sia ancora premier per caso - lo Sinn Fein della vincitrice alle urne Mary Lou McDonald non è riuscito a trovare un accordo per la formazione di un nuovo governo prima dello scoppio dell'emergenza Covid-19 - Varadkar ha ricevuto un plauso unanime da tutti i suoi avversari politici.

Figlio di un medico e di un'infermiera, Varadkar si era laureato in medicina al Trinity College di Dublino nel 2003 e anche il suo compagno Matthew Barrett e le sue due sorelle lavorano nel sistema sanitario irlandese.

LA SITUAZIONE COVID-19 IN IRLANDA

Già nel mese scorso proprio i vertici del servizio sanitario nazionale avevano chiesto agli operatori non ancora in servizio di diventare "guardia dell'Irlanda", in questo periodo di emergenza coronavirus. Cinquantamila tra infermieri, medici e specializzandi avevano risposto all'appello rientrando dalla pensione o tornando in patria dall'estero. Il governo di Dublino, inoltre, è stato tra i primi a seguire l'esempio italiano e ad adottare tempestive misure di distanziamento sociale e di lockdown domiciliare. Una strategia che ha pagato: al momento in Irlanda i casi accertati di Covid-19 sono circa cinquemila, i morti sono 158.

Michela Curcio

[6.4.2020 - 18:35]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0