InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

L'incendio 1 anno fa

Notre-Dame sarà pronta
per le Olimpiadi del 2024


«Anche se le nostre giornate, i nostri pensieri, le nostre vite sono accaparrate dalla terribile crisi che stiamo attraversando, ricostruiremo Notre-Dame in 5 anni come ho promesso. Faremo di tutto per rispettare questa scadenza». Il presidente francese Emmanuel Macron lo ribadisce, nel giorno del primo anniversario del terribile incendio che ha devastato la cattedrale simbolo di Parigi, con un video discorso alla nazione. Notre-Dame sarà ricostruita in cinque anni, in tempo per le Olimpiadi del 2024.

Obiettivo ambizioso. Se a rallentare e ostacolare le operazioni di ricostruzione e restauro prima erano le verifiche sulla presenza di piombo e il maltempo che con le raffiche di vento di oltre 40 km orari rendevano impossibili i lavori in quota, ora sono le misure di sicurezza imposte dal Coronavirus a fermarli definitivamente dallo scorso 16 marzo. Il capo dell'Eliseo, però, rassicura: il dramma non è stato dimenticato. «Se il restauro di Notre-Dame - aggiunge Macron - è importante per tutti noi, probabilmente è anche perché è un simbolo della resistenza del nostro popolo, della sua capacità di superare le difficoltà e di risorgere».

Notre Dame, Nostra Signora è ancora lì. Austera e imponente, seppur ferita dal terribile rogo che il 15 aprile scorso l'ha completamente divorata. Ci sono volute ore per spegnere le fiamme e le colonne di fumo che hanno avvolto la cattedrale di Parigi distruggendone la caratteristica guglia. In salvo la struttura, la facciata, le due torri campanarie, i tre portali, le statue nelle nicchie, il rosone e i tesori che custoditi all'interno come la corona di spine e la tunica di San Luigi, grazie all'intervento dei pompieri. A loro e a «tutti quelli che, ieri, l'hanno salvata e quelli che, oggi, la ricostruiscono», il ringraziamento di Macron.

Per il Venerdì Santo l'arcivescovo parigino, Michel Aupetit, ha scelto proprio la cattedrale per le celebrazioni pasquali con la venerazione della Corona di spine sopravvissuta alle fiamme. «Siamo in questa cattedrale metà distrutta a testimonianza che la vita è ancora qui», ha ribadito il prelato.

Questa sera alle 20 in punto, la grande campana della Torre Sud suonerà per commemorare il momento terribile dell'inizio dell'incendio che ha colpito al cuore la Francia e tutta l'Europa.

Valentina Ersilia Matrascia

[15.4.2020 - 19:12]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0