InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Coronavirus

Due 30enni napoletani inventano TiSpeso
per le consegne in tempo di coronavirus

Vincenzo Corrado e Ilaria Messina, i due inventori di TiSpeso.it


Fare la spesa in sicurezza facendo del bene. Nasce da due giovani imprenditori, Ilaria Messina e Vincenzo Corrado, TiSpeso.it il portale che garantisce, con personal shopper e fattorini, la consegna a casa in 24 ore.

Nata per dare a tutti - a Napoli e in provincia - la possibilità di fare la spesa online in semplicità e sicurezza senza affrontare le lunghe file e il rischio di infezione, il neonato portale interviene laddove le grandi catene di supermercati hanno evidenziato importanti problematiche in queste prime settimane di quarantena, dalle lunghe file ai tempi lunghissimi per evadere l'ordine di consegna, disponibilità dei prodotti permettendo.

«Non ci siamo inventati nulla di nuovo, in effetti. Ci mettiamo a disposizione per far tornare semplice un'operazione che prima della quarantena era facilissima e nella quotidianità di tutti», spiega Vincenzo Corrado. E per farlo si punta sulla prossimità. Piccoli e medi esercizi commerciali si mettono in rete (o in piattaforma, in questo caso) e una volta ricevuto l'ordine attraverso TiSpeso.it, che provvede in base a diversi criteri tra cui la vicinanza e la disponibilità dei prodotti richiesti a smistarli, mette in campo dei personal shopper che con cura selezionano la merce richiesta e la affidano ai fattorini per la consegna in giornata. «È come affidare la lista della spesa alle mani fidate di un amico o di un parente. Sia per la cura nella scelta dei prodotti con attenzione alle scadenze e alle marche (il cliente viene contattato in mediatamente qualora il prodotto richiesto non sia disponibile o per eventuali sostituzioni) sia perché tutto il personale, ovviamente, utilizza i dispositivi di sicurezza richiesti».

Un progetto che nasce da due giovani "innamorati della vita" con il desiderio di avere un impatto positivo nella quotidianità e in tempi record: una settimana per mettere in piedi il sito che in sole due settimane di attività ha raggiunto positivamente oltre 300 famiglie campane. «Un'idea - spiega - nata dalla voglia di non piangersi addosso in un momento così difficile dal punto di vista economico e sanitario. Lo facciamo solo per sentirci appagati e avere un ritorno sul piano umano prima ancora che come imprenditori». I ricavi della piattaforma per tutto il periodo dell'emergenza, infatti, saranno devoluti in beneficenza alle aziende ospedaliere campane impegnate contro il Covid e «proprio questa mattina abbiamo siglato un un protocollo d'intesa con l'associazione Il Tappeto di Iqbal, il Punto Luce Save the Children di Barra. Una volta individuate le famiglie in difficoltà, consegneremo loro la spesa e i generi di prima necessità direttamente a domicilio».

I due imprenditori guardano già al futuro. «A fine emergenza, chissà... La nostra ovviamente è un'idea che va oltre l'emergenza. Siamo fiduciosi che questo modello possa essere esportato anche fuori Napoli e diventare un progetto imprenditoriale vincente. Del resto, questa pandemia ci ha insegnato anche l'importanza della tecnologia nei gesti della vita quotidiana come appunto la spesa».

Valentina Ersilia Matrascia

[21.4.2020 - 17:14]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0