InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Anche in zona rossa

I vestiti arrivano a casa
con il negozio itinerante


Un'ape car che consegna i vestiti direttamente a casa dei clienti. È l'idea innovativa dalla Bee Four "un brand di abbigliamento itinerante online" come lo definiscono i fondatori. Una forma di resistenza al Covid-19 che mostra come ogni crisi possa diventare un'opportunità.

Nel nome del brand c'è la sua identità. Bee infatti in inglese significa ape, il simpatico mezzo utilizzato per le consegne a domicilio, e Four sta per i quattro amici che, unendo competenze trasversali, hanno dato vita a quest'idea.

Samir Pacifici, Massimiliano Menichelli, Gabriele Leonardi e Claudio Oggiano, durante la prima fase della pandemia, hanno voluto impegnarsi in un'iniziativa di beneficenza, ideando e mettendo poi in vendita sui social delle t-shirt con la scritta 'Andrà tutto bene' per raccogliere fondi da destinare all'ospedale Spallanzani di Roma.

Il successo dell'iniziativa li ha convinti a trasformare quest'esperienza in un vero e proprio lavoro e hanno iniziato a disegnare e creare una propria linea di vestiti da vendere.

"Abbiamo immaginato una sorta di delivery di abiti" ha dichiarato con orgoglio Samir Pacifici, 45 anni, padre egiziano e madre italiana. È lui a guidare il colorato mezzo a tre ruote, facendo consegne in tutti i quartieri della capitale.

A rendere particolare la Bee Four è proprio l'organizzazione logistica della vendita che risponde alle restrizioni anche delle zone rosse. La consegna a domicilio ha eliminato i costi fissi di un locale, conservando però il contatto umano con i clienti. Si possono scegliere e ordinare i capi preferiti dai profili di Facebook, Instagram e Whatsapp di Bee Four e l'ape car gialla arriva direttamente a casa loro.

"Vado un po' dappertutto, faccio una cinquantina di chilometri al giorno anche se è una 125 diesel che non va velocissima" dice Samir che, al contrario della sua ape 'customizzata', viaggia velocissimo con la fantasia arrivando a immaginare, in un futuro post-pandemico, di poter far provare l'abito alla cliente a casa. "Se non le piace, scende giù in strada e lo può cambiare con qualche altro capo nell'apetta".

La possibilità di mantenere un rapporto reale con i clienti, fatto di fiducia e contatto, è la differenza enorme, e forse vincente, tra la Bee Four e le grandi piattaforme dell'e-commerce globale.

Claudio Mazzone

[13.4.2021 - 09:34]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0