InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

La scheda

Il Premio Strega
dagli "Amici della domenica" a oggi


Cesare Pavese, Alberto Moravia, Elsa Morante, Natalia Ginzburg e Primo Levi. Ma anche Alessandro Barbero, Dacia Maraini, Margaret Mazzantini, Niccolò Ammaniti e Paolo Giordano. Sono alcuni dei più noti scrittori italiani che hanno vinto il Premio Strega.

GLI AMICI DELLA DOMENICA

Istituito a Roma nel 1947, il Premio Strega nasce da un'idea di Maria Bellonci e Guido Alberti. La scrittrice, nell'immediato secondo dopoguerra, radunò nel suo salotto un gruppo di scrittori, artisti, letterati e giornalisti. Dagli incontri degli "Amici della domenica", chiamati così per il giorno in cui si riunivano abitualmente, nacque l'idea di un premio letterario che diventò realtà grazie al sostegno di Guido Alberti, attore ma soprattutto proprietario della casa produttrice del Liquore Strega, da cui il Premio prese il nome.

Nato per essere traino per la cultura italiana dopo vent'anni di dittatura fascista, il Premio Strega è un trampolino di lancio per romanzi e opere letterarie che spesso sono diventati best-seller e classici della letteratura. Ne sono un esempio la prima opera premiata nel '47, Tempo di uccidere di Ennio Flaiano, ma anche Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vincitore nel 1959, e Il nome della rosa di Umberto Eco, premiato nel 1981.

LA GIURIA

Il libro vincitore è frutto della scelta di un gruppo di quattrocento uomini e donne di cultura, tra cui anche gli ex vincitori. I membri della giuria, che vengono ancora chiamati "Amici della domenica", propongono un'opera ciascuno, con il consenso dell'autore, e vi allegano un breve giudizio critico. Tra le varie proposte, solo 12 opere vengono ammesse dal Comitato direttivo a partecipare al Premio. C'è poi un'ulteriore selezione, che di solito avviene nel mese di giugno, per raggiungere la cinquina di opere finaliste. L'opera vincitrice viene poi proclamata tradizionalmente il primo giovedì di luglio, nel ninfeo di Villa Giulia a Roma, in un evento trasmesso in diretta televisiva dalla Rai.

Nei 74 anni di storia del Premio Strega, però, si sono più volte fatte delle eccezioni al regolamento. In ben otto edizioni (1953, 1960, 1963, 1979, 1986, 1999 e 2020), ad esempio, è stata aggiunta una sesta opera al gruppo delle finaliste. Un'altra eccezione degna di nota è la premiazione nel 2006, insieme a Sandro Veronesi, della Costituzione della Repubblica italiana, che si è aggiudicata un Premio Strega onorario, al di fuori della classica competizione. Nel 2016 poi la premiazione si svolse in una data e in un luogo diversi: non di giovedì, come da tradizione, ma di venerdì (8 luglio) e sempre a Roma, ma all'Auditorium Parco della Musica, e non a Villa Giulia. Quest'anno, la 75a premiazione si svolgerà regolarmente nella tradizionale sede romana e come sempre il primo giovedì del settimo mese dell'anno, ovvero il prossimo 8 luglio.

SEZIONI GIOVANI

Accanto al Premio Strega sono però nate delle altre sezioni della competizione letteraria. Si tratta del Premio Strega Ragazze e Ragazzi, del Premio Strega Giovani e del Premio Strega Europeo. Il primo è nato nel 2016 e viene assegnato ad opere di narrativa italiane o straniere (in traduzione) per ragazzi, votate da una giuria che comprende anche duemila ragazze e ragazzi tra i 6 e i 13 anni provenienti da 160 scuole italiane ed estere e da gruppi di lettura di biblioteche italiane. Il Premio Strega Giovani ha invece una giuria formata da ragazze e ragazzi tra i 16 e i 18 anni provenienti da 58 scuole secondarie superiori di undici regioni italiane e tre città estere (Berlino, Bruxelles e Parigi), che votano il proprio libro preferito tra i cinque in finale per il Premio Strega. Infine, il Premio Strega Europeo è stato istituito nel 2014, durante il semestre in cui l'Italia ricopriva la presidenza del Consiglio dell'Unione Europea. Il riconoscimento viene in questo caso assegnato ad uno dei cinque scrittori, tradotti e pubblicati in Italia, che hanno vinto un importante riconoscimento nazionale nei Paesi di provenienza.

Annachiara Giordano

[11.6.2021 - 21:11]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0