InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Libero De Rienzo

Non solo Santa Maradona e Fortapāsc
Il cinema dice addio a un grande attore


"Perdiamo un giovane talento, un protagonista del cinema italiano". Cosė ha dichiarato il ministro della Cultura Dario Franceschini. Si riferisce all'attore Libero De Rienzo che si č spento oggi a soli 44 anni.

Nato a Napoli il 24 febbraio 1977, Libero era figlio di Fiore De Rienzo, aiuto regista di Citto Maselli, ma anche attore e giornalista. Libero aveva quindi nel sangue il cinema e lo spettacolo. Debutta giovanissimo, a soli 22 anni, nel film di Pupi Avanti La via degli Angeli.

Č l'inizio di una carriera costellata da pellicole che gli hanno permesso di lavorare con tanti grandi attori del panorama italiano. Nel 2001 recita accanto a Stefano Accorsi in Santa Maradona di Marco Ponti e vince il David di Donatello come miglior attore non protagonista l'anno seguente. Nel 2013 interpreta Rocco in Miele di Valeria Golino. Nel 2014 entra a far parte del cast della trilogia Smetto quando voglio, insieme a Edoardo Leo, Paolo Calabresi, Stefano Fresi, Pietro Sermonti e Neri Marcorč. Nel 2017 ritrova Stefano Fresi in La casa di famiglia, dove recita al fianco di Lino Guanciale e Matilde Gioli. Nel 2019 fa anche un'apparizione nel film Netflix I due papi.

Oltre ad essere attore, Libero De Rienzo era anche regista e sceneggiatore di diverse pellicole. La pių nota č sicuramente la pellicola del 2005 Sangue - La morte non esiste, che dirige e interpreta, ma di cui č anche autore del soggetto e della sceneggiatura.

Tuttavia, il ruolo per cui oggi č pių ricordato č sicuramente quello di Giancarlo Siani in Fortapāsc. Le origini napoletane di De Rienzo hanno sicuramente permesso all'attore di ritrarre perfettamente il giornalista partenopeo, prematuramente scomparso nel 1985. La ricostruzione di Siani fatta dall'attore č precisa, puntuale, rispettosa ma anche viva e appassionata. Č il frutto di un duro lavoro di preparazione fatta da De Rienzo, che lo ha portato ad essere candidato come migliore attore sia ai David di Donatello che ai Nastri d'argento.

Libero De Rienzo č stato definito da alcuni come l'attore pių punk del cinema italiano contemporaneo. Camaleontico nelle sue diverse interpretazioni, si teneva lontano degli scandali e viveva il mestiere di attore con serietā e concentrazione. Si č spento oggi, a causa di un infarto che lo ha portato via troppo presto alla moglie e ai due figli di sei e due anni, ma anche a tutto il mondo del cinema e al pubblico italiano.

Annachiara Giordano

[16.7.2021 - 17:51]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

Š 2003/21 Universitā degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0