InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Scelte per il 2024

Capitali della cultura
in gara 24 città


Sono 24 le città italiane che si contenderanno il titolo "Capitale italiana della cultura" nel 2024. Sette città sono del centro Italia, altre sette del Nord, mentre tra Sud e isole ve ne sono altre dieci. Dopo Matera, la Basilicata ritorna in gara con Aliano, paese della provincia di Matera, narrato da Carlo Levi nel libro "Cristo si è fermato a Eboli".

Restando a Sud, tra le candidate vi sono le note località turistiche di Capistrano e Diamante per la Calabria, Conversano e Mesagne per la Puglia, mentre per la Campania vi è l'Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento. Per l'Abruzzo, in competizione c'è Gioia dei Marsi, città che ricade nel Parco Nazionale d'Abruzzo e conosciuta anche per la presenza del lupo marsicano. Al Centro, la Toscana è in gara con ben 4quattro siti, l'Unione dei Comuni Montani Amiata-Grossetana, la città di Grosseto, Vinci, in provincia di Firenze, e infine Viareggio. Presente anche la regione Marche, in gara con le città di Pesaro e Ascoli Piceno. Per il Nord vi sono Ala, in provincia di Trento, Asolo nel Trevisano, Cittadella in provincia di Padova. Le altre sono Pordenone, Saluzzo, Chioggia e Sestri Levante. Infine, per le Isole ci saranno Burgio, in provincia di Agrigento e Siracusa per la Sicilia e La Maddalena per la Sardegna.

La città vincitrice, oltre al titolo di "Capitale italiana della cultura", riceverà un contributo statale di un milione di euro, con il quale potrà mettere in mostra per un anno i caratteri originali della propria cultura.

"La storia pluriennale di questa sfida - ha detto il Ministro della Cultura Dario Franceschini - ha dimostrato tutta la capacità della cultura di mettere in moto dei meccanismi virtuosi e percorsi di valorizzazione di tutte le città al di là della vincitrice".

L'iniziativa nasce dalla vivace e partecipata competizione che culminò il 17 ottobre 2014 nella designazione di Matera, la città dei Sassi, a Capitale Europea della Cultura 2019. "Da lì - afferma Franceschini - l'impegno e la creatività che avevano portato le sei finaliste a costruire dossier di candidatura di elevata qualità progettuale portarono alla proclamazione di altre cinque concorrenti per il 2015 e a indire una selezione per individuare, a partire dal 2016, la città meritevole di questo titolo".

La prima prescelta fu Mantova, a cui seguirono Pistoia nel 2017, Palermo nel 2018 e Parma nel 2020, titolo prorogato anche nel 2021 a causa dell'emergenza pandemica. Nel 2022 sarà Procida, mentre nel 2023 sarà il turno di Bergamo e Brescia.

Lucia Stefania Manco

[24.7.2021 - 17:07]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0