InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

I riti del Sol Levante
per inaugurare gli edifici


La Repubblica propone oggi, nella sezione Mondo, un articolo di Laura Imai Messina, scrittrice che vive e lavora a Tokyo in Giappone, sulle modalità in cui vengono inaugurati i nuovi edifici nel paese del Sol Levante.

Camminare per le strade di Tokyo, anche in quelle meno conosciute, può riservare sempre delle sorprese: alcuni edifici sorgono nel giro di poche settimane. Passeggiando quindi ci si può imbattere in cerimonie di cui chi non è pratico della cultura nipponica potrebbe rimanere sorpreso. Sono tre, infatti, le celebrazioni che si fanno prima di edificare un nuovo edificio, ognuna con un nome definito, tutte raccolte nel grande concetto di "kata", ovvero la forma che racchiude non soltanto la lingua ma che regola ogni fase di un progetto che può essere sia pubblico che privato. Con kata s'intende quindi l'immenso bagaglio di conoscenze che si ereditano dagli antenati e che la società aggiorna costantemente. a seconda avviene quando vengono poste le fondamenta, le impalcature e lo scheletro necessario a completare la casa o l'edificio. La terza, infine, consiste in una festa che celebra la fine dei lavori dell'edificio nuovo di zecca con abiti particolari, altarini sacri preparati ad hoc. Non tutti gli edifici durano molto, ma ciò che conta, per i giapponesi, è la celebrazione solenne del momento.

Negli ultimi anni treni, bar, ristoranti sono sempre più affollati poiché molti giovani, arrivati ad un certo punto della vita, scelgono di trasferirsi nella capitale, svuotando, di contro, la provincia e le campagne facendo così aumentare l'edificazione di nuove strutture a Tokyo.

La prima traccia scritta che attesta la lunga tradizione di questi rituali shintoisti legati alla costruzione di nuovi edifici ha il triplo obiettivo di chiedere il permesso alla divinità della terra di pregare per la sicurezza durante lo svolgimento dei lavori e di augurare il massimo benessere a chi vivrà o frequenterà quell'edificio che sta per sbocciare.

Enrico Esente

[23.9.2021 - 14:37]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0