InchiostrOnline

a cura della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa
in convenzione con l'Ordine Nazionale dei Giornalisti

 
Fondazione Terzo Pilastro
IL MASTER GERENZA CONTATTI

Alessandro Siani

Quando conta anche
il cognome d'arte


E' il personaggio della settimana. Alessandro Siani, come annunciato, sarà il nuovo conduttore di Striscia la notizia. Antonio Ricci, autore del programma, ha confessato di averlo inseguito spesso. Un artista eclettico che si muove tra cinema, teatro e TV senza mai fermarsi. L'annuncio arriva proprio pochi giorni dopo l'anniversario della morte del giornalista Giancarlo Siani, ucciso 36 anni fa dalla camorra. È proprio da lui che Alessandro Esposito, in arte Siani, prende spunto per il suo nome d'arte. Lo ha raccontato due anni fa a 'Che Tempo che fa', durante la presentazione del libro Napolitudine, scritto con Luciano De Crescenzo. "Da giovane mi trovai a fare uno spettacolo e sul cartellone eravamo tutti Esposito - racconta il comico - praticamente era nu stato 'e famiglia, per cui decisi di cambiarlo con una scelta importante". L'ha ricordato anche in un intervento durante il premio giornalistico Biagio Agnes, dove ha citato un celebre pensiero di Giancarlo: "Si può cadere mille volte, in tanti modi, e però se hai un pensiero libero nel cuore, nell'animo, non cadrai mai in ginocchio ma sempre in piedi".

E quel cognome d'arte è stata la sua fortuna, insieme al suo grande talento. "Questo nuovo percorso è la combinazione ideale per proseguire sul binario della satira, dell'esagerazione, del politicamente scorretto: la mia religione". Il 46enne napoletano sarà affiancato da Vanessa Incontrada, regina delle fiction tv. Intanto non si fermano gli altri progetti, slittati a causa del Covid. "Hanno incastrato Babbo Natale" uscirà al cinema prima di Natale, quando l'attore ripartirà anche in teatro con uno spettacolo dal titolo "Libertà tour". La prima tappa sarà al teatro Diana di Napoli, dove l'artista potrà finalmente tornare ad esibirsi dal vivo, a contatto con il pubblico. Intanto, si dice impaziente di vedere come si scherza attraverso la tv, strumento dimostratosi potente e immortale durante questa pandemia che ha quasi annientato la categoria dei lavoratori dello spettacolo.

Cristina Somma

[24.9.2021 - 18:42]



Email Stampa Facebook Twitter Reddit LinkedIn Pinterest Mix Tumblr Bufferapp




RSS

© 2003/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli · P.Iva 03375800632 · Versione 4.2 · Privacy
Conforme agli standard XHTML 1.0 · CSS 3 · RSS 2.0